torna su
12/07/2020
12/07/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Maltempo, bomba d’acqua sulla Palombarese

La presidente delle Acli Borzì: ho rischiato di morire

Avatar
di Alg | 2018-05-13 12/05/2018 ore 19:39
(ultimo aggiornamento il 13 Maggio 2018 alle ore 8:35)

Maltempo a Roma

Alberi caduti, allagamenti e persone bloccate in auto alle porte di Roma a causa di forti piogge. Oltre venti gli interventi effettuati dai vigili del fuoco a Setteville e su via Palombarese per il maltempo.

Sul posto i pompieri sono intervenuti con tre squadre e il supporto del nucleo sommozzatori e dell’elicottero.

Nei guai, per colpa del maltempo, anche la presidente delle Acli di Roma. Ancora scossa per la brutta avventura che ha dovuto affrontare Lidia Borzì, racconta come è stata salvata dai Vigili del Fuoco nella sua auto dopo la bomba d’acqua che ha colpito in via Marco Simone, via Palombarese e via Tiburtina.

”E’ successo tutto all’improvviso e in quei momenti ti senti veramente impotente. Se non fossero arrivati i Vigili del Fuoco che ringrazio di cuore, non so come sarebbe andata a finire. Il fatto che mi indigna – aggiunge Borzì – è che per due gocce d’acqua si debba rischiare la vita. Occorre che le istituzioni curino le caditoie, il decoro delle strade e che si pianifichi una corretta gestione dei fiumi e degli argini. Non è pensabile che in un paese civile si possa rimanere bloccati per alcuni millimetri di pioggia”.

”Questo episodio è l’occasione – conclude Borzì – anche per dare voceai tanti cittadini di via Marco Simone, via Palombarese e via Tiburtina, che subiscono spesso in maniera tragica l’incuria e la mancanza di responsabilità di chi amministra la cosa pubblica”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
986 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014