torna su
22/04/2021
22/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Morto Kenneth To, l’ex nuotatore australiano aveva 26 anni

Con l’Australia sul podio della 4×400 ai Mondiali di Barcelona 2013, deceduto in Florida mentre si allenava per Hong Kong per cui gareggiava dal 2016

Avatar
di Chiara Laganà | 2019-03-19 19/03/2019 ore 15:16

Morto Kenneth To, l'ex nuotatore australiano aveva 26 anni © NSW Swimming

È morto Kenneth To, il nuotatore australiano aveva appena 26 anni ed era uno dei nuotatori medaglia d’argento nella staffetta 4×400 ai Mondiali di Barcellona 2013. Si è spento dopo essersi sentito male durante un allenamento in Florida, negli USA.

Nato a Hong Kong, ma australiano d’adozione To aveva raccolto il testimone di uno dei nuotatori più amati d’Australia Ian Thorpe stabilendo nel 2009 il nuovo record australiano nei 200 misti. Vinse sei medaglie alle Olimpiadi giovanili di Singapore nel 2010. Per continuae a gareggiare si trasferì la sua nazionalità a Hong Kong nel 2016 e stava preparando in Florida i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. A dare la notizia del decesso l’Hong Kong Sports Institute, come riportato dal Sydney Morning Herald, la città dove si era trasferito a due anni.:

“To si è sentito male durante un allenamento ed è stato trasferito d’urgenza in ospedale, dove si è spento. Kenneth è stato una persona eccezionale, calorosa, buffa e gentile”.

Ancora sconosciute le cause del decesso, To si trovava in Florida per un training camp con il Gator Swim Club dell’Università della Florida a Gainseville. Aveva preso parte ai Mondiali in vasca corta in Cina lo scorso dicembre dove si era piazzato sesto nei 100 misti, la sua prima finale dopo sei anni di digiuno. Anche Jacco Verhaeren, l’allenatore della nazionale australiana ha ricordato To. Il nuotatore aveva fatto parte del team dal 2010 al 2016 prima di diventare un atleta di Hong Kong:

“Siamo profondamente scioccati e rattristati dalla morte di Kenny e diamo forza alla sua famiglia e ai suoi amici in questo momento difficile. Era un compagno di squadra adorato e con un’elevata forza di spirito e una fantastica personalità, mancherà ad amici, staff e allenatori”.

Anche il suo vecchio team, Swimming NSW, ha salutato la scomparsa di To con un tweet dal suo account. Il tre volte medaglia d’oro australiano James Magnussen si è detto profondamente scosso dalla notizia: “Sono sconvolto nell’ascoltare la morte del mio rivale, ma soprattutto amico Kenneth To”. E ha poi continuato sul suo account Instagram:

“Abbiamo gareggiato uno contro l’altro e insieme da quando avevamo 16 anni. Rimarrà uno dei miei più accaniti rivali con cui sono dovuto partire accanto ai blocchi. Credo profondamente che per un lungo periodo sia stato uno dei migliori nuotatori al mondo”.

Dopo un infortunio, nel 2016 lasciò la nazionale australiana per portare i colori di Hong Kong ma mancò la possibilità di gareggiare a Rio 2016 e stava da allora preparando il ritorno in vasca olimpica a Tokyo 2020. Oltre all’argento iridato di Barcellona 2013, vinse un argento e due bronzi nei mondiali di vasca corta di Istanbul 2012, fu oro ai Giochi del Commonwealth di Glasgow 2014 nella staffetta 4×100 stile libero e argento nella 4×100 mista, mentre raccolse sei podi ai Giochi olimpici giovanili di Singapore 2010 dove ottenne l’oro nella 4×100 mista, argento nei 50 stile libero, nei 200 misti e nella 4×100 stile libero e fu bronzo nei 100 stile libero e nella 4×200 stile libero.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
748 articoli

Giornalista, Truffaut mi ha fatto innamorare del cinema. Scrivo anche di TV, arte, serie TV, disabilità e musica

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014