torna su
17/11/2019
17/11/2019

ADV

CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Roma allo sbando, ma è l’Italia che sbanda

Dallo spontaneo ‘’overtourism’’ della Capitale, fra topi e rifiuti, al vuoto dell’azione del governo nell’economia. Dopo il M5S anche la Lega rischia

Claudio Sonzogno
di Claudio Sonzogno | 2019-06-3 3/06/2019 ore 10:30

Il Messaggero sabato scorso riportava  che Amsterdam sta prendendo delle misure per contenere il cosiddetto ‘’overtourism’’, ossia l’invasione di visitatori,  in buona parte low cost. Ma Roma – scriveva il quotidiano della Capitale – ha già risolto questo problema. Altro che strategia pianificata: tra i monumenti, cumuli di spazzatura  nelle zone di pregio, bus in fiamme, borseggi e piccole truffe. Nulla funziona e  tutto oscura l’immagine di una Roma che viaggia lontano. A questa immagine totalmente negativa si sommano le foto diffuse sui social e i servizi dei corrispondenti della stampa e delle tv straniere.

Anche il recente pressing della sindaca Virginia Raggi sul Premier, Giuseppe Conte, perché, di fronte alle tante emergenze della Capitale, risolva al più presto la questione dei poteri e del debito storico di 12 miliardi di euro, ha per ora ottenuto solo una fredda e generica promessa di discussione. Non è però ormai solo Roma che trema. Tutto il Paese si sta rendendo conto che il ‘’dopo’’ Europee sembra peggio del “prima’”, con i due partiti al governo, Lega e M5S, che continuano il ‘’game’’ lungo lo stivale italico, lanciando qua e là strali di parole.

La lettera di risposta alla Commissione Ue,  preoccupata dello sforamento da parte dell’Italia dei limiti al deficit,  si è prestata all’ennesima strumentale fuga di notizie.  Ha favorito un aggiustamento,  ma difficilmente piacerà all’Europa, nonostante la corposa documentazione allegata. Nella bozza circolata, il ministro Giovanni Tria azzardava un freno ad alcune misure welfare, ossia pensioni e reddito cittadinanza, ma dopo la bocciatura del vice premier Luigi Di Maio, ha subito corretto il tiro, smentendo anche il contenuto della fuga di notizie.

Come Roma non ha bisogno di una strategia per combattere l’ overtourism,  cosi l’Italia è sempre più facile preda della speculazione sui mercati finanziari. Li favorisce lo slogan salviniano ‘’ meno tasse più lavoro’’ .  La propagandata flat tax e l’aumento dei posti di lavoro sono sempre meno credibili. Soprattutto dopo il fallimento di quota cento per le pensioni e del reddito di cittadinanza, che ha deluso i cittadini, ma ha contribuito ad aumentare il mega debito del Paese.

Per la cosiddetta ‘’Italia invisibile’’, quella delle periferie e delle aree interne del Paese, dopo anni di abbandono, le promesse di Salvini e Di Maio erano sembrate manna dal cielo. Tuttavia, man mano che agli annunci  non sono seguite le azioni,  gli ‘’ex invisibili’’ hanno cominciato ad allontanarsi dai 5 stelle. Pesa senz’altro, fra le tante disillusioni, anche la questione “venefica” dell’Ilva di Taranto.

Ed ora anche per la Lega, la stagione delle promesse è giunta al capolinea. La resa dei conti è alle porte.  Ora Salvini deve dimostrarsi capace di promuovere provvedimenti con una reale rispondenza nello sviluppo dei territori e delle imprese. Ecco il vero presupposto indispensabile per la creazione di posti di lavoro e combattere le diseguaglianze. Ma purtroppo questo non sembra far parte del  “dna”, passato e presente  della Lega e tantomeno del suo leader.

Stampa

A proposito dell'autore

Claudio Sonzogno
130 articoli

Giornalista professionista dal 1969, ha diretto agenzie di stampa nazionali dal 1972 al 2011. Da Direttore dell'Agenzia finanziaria Radiocor e dell'Agenzia Giornali Associati, AGA, a Direttore dell'Asca, la prima agenzia italiana su Internet. Dal 2009 al 2011 Direttore dell'Agenzia APCOM/TMnews, oggi Askanews, innovativa nelle videonews. Ha collaborato con L'Espresso. Opinionista per i Gr della Rai, ha partecipato a programmi di economia. Scrive per "Prima Comunicazione".

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014