torna su
16/01/2021
16/01/2021

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Sempre più giocatori d’azzardo online, Lazio al quarto posto

Secondo uno studio di mrcasinova.com, cresce anche numero di donne e giovani

Avatar
di Mca | 2019-09-19 19/09/2019 ore 12:30

Il numero di giocatori d’azzardo online in Italia è cresciuto del 18% da gennaio 2019 a oggi, arrivando a circa 2,3 milioni di giocatori, appassionati e registrati. Secondo uno studio del principale sito di casinò (www.mrcasinova.com), tra questi circa 670mila sono giocatori costanti, con una spesa media di circa 90 euro a giocatore.

Insomma il fenomeno del gambling online in Italia rappresenta un mercato molto proficuo e in crescita. I giocatori, secondo il rapporto, sono concentrati principalmente al centro sud, anche se la Lombardia per il nord ha numeri elevati. Il 18% proviene dalla Campania, il 12% dalla Lombardia (che quindi si posiziona al secondo posto) , al terzo la Sicilia con il 12%. Seguono, con il 10% Lazio, Emilia Romagna e Puglia.

Il profilo del giocatore, inoltre, è molto cambiato: addio al vecchio stereotipo dell’uomo over 40 con uno status sociale medio-alto. Adesso anche donne e giovani, grazie alla possibilità di giocare da casa, iniziano ad avvicinarsi.

Secondo i dati forniti a mrcasinova.com dai casinò associati, gli uomini rappresentano il 62% dei giocatori e le donne il 38%.

Rispetto al tipo di gioco le donne preferiscono le slot machine e gli uomini poker, roulette e altri giochi di carte Infine, comparando i dati, è emerso che i giocatori online in Italia sono sempre più giovani. Il 77% ha meno di 45 anni ma ciò che più colpisce è la crescita dei più giovani: il 20% del totale non supera i 25 anni.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
318 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014