Categorie: Gioie e dolori

Terremoto Albania: poteva essere tsunami e dramma

Il sismologo afferma che il terremoto è avvenuto al confine tra due placche. Ma la profondità dell'epicentro ha evitato lo tsunami con conseguenze gravissime

 

E’ avvenuto alla profondità compresa fra 10 e 20 chilometri, abbastanza da poter evitare uno tsunami, il terremoto di magnitudo 6,2 (inizialmente calcolata in 6,5 dal sistema automatico) avvenuto alle 3:54 italiane del 26 novembre lungo le coste dell’Albania, vicino Durazzo.

Avvertito bene lungo tutta la costa adriatica, da Trieste a Bari, è stato “un terremoto da manuale”, ha osservato il sismologo Salvatore Mazza, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

La terra ha tremato infatti lungo il confine tra la placca Africana, che spinge verso Nord, e quella Eurasiatica, che spinge nella direzione opposta.

L’allarme tsunami è scattato immediatamente dopo la scossa principale, considerando la magnitudo importante. “E’ stato diramato per le coste albanesi e per quelle greche e italiane poiché l’Ingv è responsabile dell’allerta tsunami nel Mediterraneo“, ha detto il sismologo Salvatore Stramondo. Lo tsunami non è avvenuto a causa della profondità del sisma, ha rilavato Alberto Michelini, dell’Ingv. “Non sappiamo – ha aggiunto – se a livello locale possano essere avvenuti fenomeni di lieve entità, compresa fra 5 e 6 centimetri“.

Alla scossa principale ne sono seguite tre di magnitudo superiore a 5, tutte lungo la costa, mentre una quarta è avvenuta nell’entroterra. “E’ sicuramente una zona sismica”, ha rilevato Mazza, nella quale negli ultimi cento anni sono avvenuti sette terremoti di magnitudo superiore a 6. Di queste – ha aggiunto – la più forte è stata quella di magnitudo 6,9 avvenuta nel 1979 un po’ più a Nord, ma comunque nella stessa area”.

Un altro forte terremoto è stato quello di magnitudo 6,7, del 1967. E’ stata invece molto forte la percezione del terremoto lungo tutta la costa italiana, da Trieste alla Puglia fino alla Campania e la Calabria, come indicano le mappe ottenute sulla base del servizio “hai sentito il terremoto?” dell’Ingv.

In tutta la Puglia la scossa è stata avvertita molto chiaramente. con un’intensità confrontabile a quella di un terremoto pari al quarto-quinto grado della scala Mercalli”, ha osservato il responsabile del servizio, Valerio De Rubeis.

Dai questionari è emerso inoltre che in tutta la Puglia il terremoto ha spaventato dal 75% al 100% della popolazione. Tanta paura anche nella zona di Napoli, dove la struttura geologica è tale da amplificare la percezione dei terremoti che avvengono nei Balcani e in Italia meridionale

Stampa
Condividi
Pubblicato da Redazione

Articoli recenti

Battaglia ‘vuota’ per il Campidoglio, senza nomi nè idee

La campagna elettorale è partita 10 mesi prima del voto vista l'accelerazione impressa da Virginia Raggi per la sua ricandidatura

2 ore fa

Lazio, test a chi torna da Grecia, Croazia, Spagna, Malta

Unità di crisi Covid , attivati tutti i drive-in

3 ore fa

Eccezionale intervento in utero al Gemelli, il bimbo è nato e sta bene

Curato un grave difetto fetale,a 26 settimane con chirurgia open

2 ore fa

Abusa di aspiranti attrici, arrestato finto regista

Roma, accusato di violenza sessuale ai danni di 8 ragazze

4 ore fa

Nonno spara a nipote di 7anni, “partito colpo”

Colpito alla testa, il bambino e' grave. In corso indagini polizia

7 ore fa

A Villa Borghese “Back to nature”

Dal 15 settembre al 13 dicembre

9 ore fa

Uomini tra 31-46 anni, ecco i primi 5 volontari del vaccino

Hanno superato esami idoneità, i test su loro a fine agosto

8 ore fa

Cosa non torna nell’attacco di Enrico Stefàno a Virginia Raggi

Ecco i punti deboli del post Facebook in cui il consigliere grillino attacca la ricandidatura della Raggi

10 ore fa

Covid, 37 nuovi casi nel Lazio: 18 di importazione

"Il valore RT nella valutazione settimanale e' di 0.99 ma si prevede un aumento"

9 ore fa

Questo sito utilizza cookie.