torna su
01/10/2020
01/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Coronavirus: Università Florida, “Si trasmette fino a 5 metri”

Le goccioline e l’aerosol nell’aria possono contenere virus vivi e non solo frammenti di materiale genetico

Avatar
di Redazione | 2020-08-19 19/08/2020 ore 11:00

Emergenza Coronavirus

Le goccioline e l’aerosol nell’aria possono contenere virus vivi e non solo frammenti di materiale genetico, consentendo la trasmissione della malattia con una distanza fino a 4,8 metri. Questo il risultato di uno studio, pubblicato online e non ancora sottoposto a peer review, commentato da un articolo sul New York Times, condotto dagli esperti dell’Universita’ della Florida, che hanno isolato virus vivi da aerosol a una distanza compresa tra due e quasi cinque metri. “Si tratta di una prova inequivocabile della presenza di virus infettivi negli aerosol – afferma Linsey Marr, esperta nella diffusione aerea di virus non direttamente coinvolta nel lavoro – la distanza considerata e’ nettamente maggiore rispetto al metro consigliato dagli esperti per ridurre la diffusione”. Per alcuni esperti non era ancora chiaro se la quantita’ di virus raccolta fosse sufficiente a provocare l’infezione. “Campionare materiale biologico – sostiene Shelly Miller, ingegnere ambientale presso l’Universita’ del Colorado Boulder – e’ piuttosto difficile. E’ necessario effettuare il campionamento del materiale biologico in modo che sia piu’ simile a come viene inalato”.

Il team ha ideato un campionatore che utilizza vapore acqueo puro per ingrandire gli aerosol abbastanza da poter essere raccolti facilmente dall’aria. Piuttosto che lasciare queste goccioline nell’ambiente, l’apparecchiatura li trasferisce immediatamente in un liquido ricco di sali, zucchero e proteine, che preserva l’agente patogeno. “Sono impressionato – commenta Robyn Schofield, un chimico atmosferico dell’Universita’ di Melbourne in Australia – si tratta di una tecnica di misurazione molto intelligente”.

Il gruppo di ricerca aveva utilizzato questo metodo per campionare l’aria dalle stanze degli ospedali, ma i tentativi precedenti avevano reso difficile l’isolamento del coronavirus. “Stavolta – spiegano gli autori della ricerca – abbiamo raccolto campioni da una stanza di un reparto dedicato ai pazienti COVID-19 presso l’Ospedale universitario della Florida Health Shands. Nessuno era soggetto a procedure mediche note per la generazione di aerosol. Con due campionatori, uno a due e uno a circa cinque metri, abbiamo potuto raccogliere il materiale genetico infetto”. Gli esperti spiegano che la sequenza del genoma del virus isolato era identica a quella di un tampone di un paziente sintomatico appena ricoverato nella stanza, dotata di filtri efficienti, irradiazione ultravioletta e altre misure di sicurezza per inattivare il virus prima che l’aria fosse reintrodotta nella stanza. “Questo potrebbe essere il motivo per cui abbiamo trovato solo 74 particelle virali per litro di aria – sostiene John Lednicky, virologo presso l’Universita’ della Florida – gli spazi interni senza una buona ventilazione, come le scuole, potrebbero accumulare molti piu’ virus nell’aria”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23774 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014