torna su
10/04/2021
10/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Anestesisti San Camillo,“rigettiamo accuse su uso strumenti sporchi o infetti”

La polemica dopo un articolo denuncia uscito nei giorni scorsi su Repubblica

Avatar
di Redazione | 2020-11-10 10/11/2020 ore 11:32

Gli anestesisti rianimatori dell’azienda ospedaliera San Camillo Forlanini dell’Unità operativa Shock e trauma rispondono alle polemiche dei giorni scorsi (in seguito a un articolo pubblicato sul dorso locale di Repubblica qui) e in una lettera aperta “rigettano in toto le accuse loro rivolte in merito all’impiego sui pazienti di strumenti sporchi o infetti”.

Nella lettera si legge: “È indubbio che il nostro ospedale – come tutti i nosocomi del nostro Paese – stia vivendo un momento particolarmente delicato della sua storia, ed è altrettanto innegabile che tutto il personale coinvolto nell’assistenza sia chiamato da giorni a uno sforzo sovrumano per garantire assistenza sanitaria qualificata a tutti i pazienti, Covid e non. Tuttavia raccontare la stanchezza che questo carico di lavoro ci procura come elemento di causa di disinteresse e incuria totale per il benessere dei malati, è qualcosa di assolutamente inaccettabile e falso. Un’accusa che davvero non ci aspettavamo, da chi fino a ieri ci dedicava attenzione chiamandoci eroi”.

Gli anestesisti rianimatori dichiarano poi che “orgogliosamente, anche a fronte di tante difficoltà il paziente, inteso come persona e non come mero codice di accesso, è sempre il centro intorno al quale ruota tutta la nostra giornata lavorativa e che mai nessuno di noi si macchierebbe di un gesto tanto ignobile nei confronti di chi potrebbe essere nostra madre, nostro fratello, nostro figlio. A latere di questa vicenda poco decorosa che ci ha coinvolto nostro malgrado, a noi rimane la soddisfazione nell’incrociare lo sguardo grato di coloro a cui siamo riusciti a restituire un congiunto o di chi anche avendo patito una grande perdita ci ricorda con stima e affetto. A loro e a chi in queste ore ci ha pubblicamente sostenuto e difeso va il nostro grazie – conclude la lettera -, nella speranza che chi oggi ci denigra pubblicamente possa un giorno rendersi conto che non siamo nemici da combattere o abbattere mediaticamente ma alleati da difendere in una lotta che dovrebbe vederci tutti uniti”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25260 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014