torna su
17/10/2019
17/10/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Rosalba Giugni: “Trastevere deve ritrovare la propria anima”

Il presidente di Marevivo, residente doc, spera su un'inversione di tendenza

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 11/04/2014 ore 16:11
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:09)

Rosalba Giugni, presidente di Marevivo, passa molte delle sue giornate sul barcone ancorato sull’argine del Tevere, all’altezza del Lungotevere Arnaldo da Brescia, sede dell’associazione, osservando lo scorrere quotidiano del Tevere e immaginando nuove iniziative per far conoscere e amare questo fiume e tutto il mare. Vive a Trastevere nella zona dell’Orto Botanico da lungo tempo, ha dunque assistito all’evoluzione del quartiere passato dalle botteghe degli artigiani ai negozi che distribuiscono bibite, spesso alcoliche. Da rione custode della romanità a quartiere turistico.

“La paura delle bande di violenti è una novità: ho sempre girato in bicicletta in tutta tranquillità, anche di notte. Piazza Trilussa è una delle piazze più straorinarie della città, eppure lì di notte c’è un assalto notturno indisturbato sulle scale della fontana, dove viene lasciato qualunque tipo di rifiuti”.
Giugni è molto legata alla parrocchia di Santa Dorotea: con un gruppo di trasteverini che frequentano questa chiesa e amano profondamente il loro quartiere, ha contribuito a dare vita alla tradizione del Presepe vivente, affidando la regia a Jan Michelini. Il fulcro di questa rappresentazione sacra è proprio piazza Trilussa. Chi ha assistito è rimasto colpito dalla qualità dell’evento e dal coinvolgimento di tutto i residenti. “Stiamo lanciando il messaggio di un Natale non consumistico, in controtendenza con quanto sta succedendo, perchè vogliamo che Trastevere si distacchi da quello che sta diventando. Ci piacerebbe che il quartiere fosse un Presepe con il ritorno delle botteghe antiche e delle tradizioni della Trastevere di una volta”.
Per cambiare il corso negativo, c’è bisogno di un progetto concreto in grado di restituire tranquillità a questo angolo speciale di Roma. Chi sporca, deve essere ‘invitato’ a pulire il giorno dopo, ad esempio. A Trastevere hanno sede importanti istituzioni romane e internazionali: l’Accademia dei Lincei, l’Università John Cabot, l’American Academy in Rome, il carcere di Regina Coeli, la comuntà di Sant’Egidio, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Tutte queste realtà insieme possono e devono impegnarsi per il quartiere. “Ma questa iniziativa deve venire dalla testa: il I Municipio deve convocarci per trovare una soluzione tutti insieme. Io sono disponibile”. (r.p.)

 

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21309 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014