torna su
14/04/2021
14/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Lettera aperta a chi ama la città di Roma

Gli abitanti del centro chiedono aiuto alle istituzioni. Cosa ne pensate?

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 14/04/2014 ore 16:25
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:09)

Di seguito pubblichiamo una lettera aperta di una cittadina romana stanca del disinteresse delle istituzioni alle condizioni del centro storico per i residenti.

L’inquinamento acustico è uno dei problemi più gravi che colpiscono la vivibilità delle abitazioni.

.

“Mi chiamo Manuela Mirkos, sono una romana residente all’estero da ormai dieci anni (Londra e ora Abu Dhabi), ma come in questi giorni visito regolarmente i miei genitori nella loro casa vicina al Pantheon, acquistata dopo decenni di lavoro e duri sacrifici economici. Una casa dalla quale ora vorrebbero scappare. Ad ogni mio rientro non faccio che constatare l’ulteriore deterioramento della situazione non solo di questo quartiere, ma di tutto il centro storico, in un clima che appare di totale indifferenza  o compiacimento  delle varie amministrazioni che si succedono. Nella nostra strada adiacente al Pantheon dormire e’ un lusso cui si accede raramente nel frastuono notturno solo dopo accese discussioni tra residenti e proprietari di locali, nell’assenza di interventi da parte delle forze dell’ordine, che sono comunque impotenti. Le strade, di sanpietrini divelti e buche ammazza caviglie, pullulano di venditori ambulanti, orrende vetrine di souvenir che espongono spesso merce di inaudita volgarità e tavolinetti in palese violazione di occupazione di suolo pubblico da parte di ristoranti da pochi soldi ai quali si siedono turisti avvinazzati che spesso si alzano e ballano rumorosamente sulla strada, incoraggiati dai camerieri e dai musici ambulanti, impedendo il passaggio. Anche in zone di passeggio “elegante” come piazza San Lorenzo in Lucina o Via Condotti puo’ capitare di essere inseguiti da cosiddetti artisti di strada – tipo i personaggi senza testa – per non aver pagato loro l’obolo, si deve zigzagare tra auto parcheggiate in divieto di sosta, tassisti nervosi e motorini che procedono a tutto gas. All’angolo di Piazza di Spagna e Via del Babuino un gruppo di ragazzi ieri suonava musica rock con chitarre elettriche mentre poco piu’ in la’ una ragazza in tenuta punk si esibiva in una improvvisata danza del ventre. Le tele dei pittori di strada che una volta occupavano una parte di piazza Navona sono ormai estese su tutta la piazza. Intanto leggo che in Trastevere si vuole dichiarare lo stato di emergenza. Uno spettacolo di caos, degrado e abbandono che ferisce e deprime e spero proprio che non abbia ragione lei quando dice che rilevarlo e scriverne e’ inutile. Possibile che non ci si possa unire, formare comitati e gruppi di pressione per spingere il Campidoglio ad intervenire per restaurare un po’ di decoro urbano? E’ possibile rassegnarsi alla barbarie che corrode la citta’ e il patrimonio che ci e’ stato tramandato? E in virtu’ di che cosa? Per un turismo onestamente becero e da quattro soldi? Vogliamo davvero trasformare Roma in un divertimentificio low cost senza anima e senza decoro, in mano ad ambulanti, illegali e visitatori sciatti e indisciplinati? Per favore non si rassegni e non faccia calare il silenzio su questa vergogna! Cerchiamo di fare lobby invece perchè la situazione cambi. In fondo ogni potere, indifferente alle esigenze e lamentele di singoli individui sparsi, e’ sensibile alle pressioni di grandi gruppi. Cerchiamo di formarli. Di gente stanca nel centro di Roma ce n’e’ moltissima.”

Per commenti e segnalazioni gioieedolori@radiocolonna.it

RED.

PUBBLICHIAMO DI SEGUITO IL COMMENTO DI UN NOSTRO ASCOLTATORE

Ho letto la lettera della Sig.ra Manuela Mirkos e desidero aggiungere alla sua sorpresa (triste) la mia. Anch’io non sono di Roma ma ci abito per più di metà dell’anno da tanto tempo. Ho conosciuto bene la zona di Monte Mario ed ora il vero centro “storico”: via Margutta. Comunque un dolore! Sporcizia, incuria, trascuratezza. A Monte Mario auto abbandonate da anni, “secchioni” dove finiscono le puliture delle cantine e anche gli operai buttano calcinacci, sanitari, finestre rotte. Una volta c’erano dei manichini di un negozio. Surreale! In centro storico non ci sono secchioni (ma basta andare in Cola di Rienzo),  perché esiste la “differenziata”che consiste nel passare forse si forse no,  nel prendere qualcosa si qualcosa no…e i sacchetti si accumulano fuori dai portoni. E che dire dei cartoni agli ingressi dei negozi?! Via del Babuino ha marciapiedi stretti, auto in doppia fila, tanta gente a passeggio e i mucchi di cartoni. Quindi tutti a camminare in mezzo alla strada. La possiamo definire: prova generale di “isola pedonale”?       E’ anche vero che gli abitanti/turisti dimostrano un senso civico pari a zero. La polizia municipale è totalmente assente. A via Margutta non si potrebbe posteggiare, difatti le fioriere/cestino della spazzatura vengono rimosse per far spazio a macchinoni super turbo extra lusso e tutte rigorosamente con il permesso per diversamente abili! Via Margutta è anche la via più amata dai cani del centro. Ma si sa che le bestiole devono uscire per fare un po’ di moto e i “loro bisogni”. E tutti noi con gli occhi bassi per schivare. E per la vergogna che proviamo per la “nostra” città. Eterna…mente abbandonata dai noi stessi e dalle istituzioni.

Alberto Reina

 

21 Aprile 2014

La città è prima di tutto dei cittadini che in prima persona devono custodire e fare in modo che venga rispettata dagli altri.

Dovremmo tutti noi sollecitare polizia e istituzioni a far rispettare le regole di convivenza civile senza danneggiare negozianti e ristoratori.

Oggi Roma era splendida: sole, antichi romani, turisti e cittadini tutti insieme a festeggiare il Natale di Roma. Ripartiamo da qui

Alessia Ripani.

gioieedolori@radiocolonna.it

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25282 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014