torna su
17/04/2021
17/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Giubileo, la bolla Papale fa muovere trasporti, decoro e sanità

Delibera bipartisan per liberare lo skyline da antenne e parabole

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 16/04/2015 ore 10:30
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:41)

Il miracolo della bolla papale. Era sabato quando il Pontefice, al cospetto della Porta Santa, ha consegnato la bolla papale ‘Misericordiae vultus”, l’ufficializzazione del Giubileo della Misericordia che si aprirà l’8 dicembre 2015 e si concluderà il 20 novembre 2016. Da quel momento la politica capitolina e laziale – in meno di quattro giorni, una solerzia sorprendente – ha annunciato una serie di provvedimenti sul tema del decoro urbano, del trasporto pubblico locale e della sanità regionale. La bolla pontificia, retaggio medievale in bilico tra obsolescenza e tradizione, in fondo può essere più efficace di qualsiasi tweet o di qualunque post di Facebook. Piccole falle della secolarizzazione. E così il consiglio comunale capitolino – spesso teatro di risse da bar e di ostruzionismi a oltranza – per una volta s’è riunito in conclave e ha presentato una delibera bipartisan che, in vista del Giubileo, libererà lo skyline romano da antenne e parabole. Non solo. Verranno bonificati i residui d’amianto sui tetti e ci saranno sgravi fiscali per i condomini che contribuiranno al decoro urbano. Un sistema complesso di incentivi che prevede l’eliminazione della tassa di occupazione di suolo pubblico dei cantieri e il 10% dell’imposta sulla pubblicità posta sui ponteggi che andrà nelle casse dei condomini virtuosi. Tutto ciò a patto che le imprese coinvolte presentino fatture e contribuzioni dei dipendenti. Contestualmente alla delibera ‘tetti puliti’, è stata annunciata dall’ATAC una gara per la fornitura in leasing di circa 700 autobus da qui ai prossimi 10 anni. Un rinnovamento del mezzi ATAC che nell’Anno Santo dovrebbe riversare nelle strade della Capitale oltre 100 bus nuovi di zecca, arricchito dall’annuncio che verranno sistemati e ammodernati oltre 50 treni attivi sulle linee della metro A, B, B1 e Roma-Lido. Ma le novità non finiscono qui. La Regione Lazio ha infatti adempiuto tutte le procedure burocratiche che nei prossimi mesi porteranno nel parco vetture dell’ARES 48 nuove ambulanze. Un investimento regionale di oltre 3 milioni di euro che – secondo Nicola Zingaretti – se integrati con un aiuto governativo permetteranno il “ricambio totale del parco macchine in circolazione”. I cittadini romani attendono con ansia una nuova bolla papale. (GdS)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25306 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014