torna su
22/09/2020
22/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Appalti Giubileo, Marino: discontinuità con l'era Alemanno

Firma del protocollo di intesa sugli appalti del Giubileo tra Comune e ANAC

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 8/09/2015 ore 13:27
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:54)

Un registro per le imprese che vorranno aggiudicarsi gli appalti per l’Anno Santo. Un sistema casuale per scegliere quelle imprese che – ottenuto l’avallo dell’ANAC – si propongono per portare avanti i lavori. Sono le misure fondamentali stabilite dal protocollo d’intesa firmate questa mattina dal sindaco Marino e dal Presidente dell’ANAC Raffaele Cantone. Presso la sede romana dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, il Primo Cittadino ha messo il punto sulla questione – spinosa – delle gare per ottenere gli appalti durante il Giubileo. “Queste linee guida vigileranno sulla correttezza dei lavori che verranno eseguiti – ha dichiarato il Sindaco Marino alla stampa – un’alta prova di discontinuità amministrativa con l’era Alemanno dove la criminalità entrava nelle stanze del Campidoglio”. Al suo fianco l’assessore alla Legalità Sabella ha fatto il punto sulla svolta legalitaria del protocollo. “I meccanismi di trasparenza, rotazione, non discriminazione e concorrenza vanno ben al di là dei minimi previsti dalla legge – ha dichiarato Sabella – un esempio per tutti: se la legge ti dice di invitare 5 imprese noi ne inviteremo 30”. Grande la novità relativa alla scelta delle imprese, non più scelte da una commissione aggiudicatrice ma tramite sorteggio per “operare un contrasto efficace alla corruzione”. Presente all’incontro anche l’Assessore ai Lavori Pubblici Pucci, il quale ha spiegato – nel dettaglio –  i tempi e i modi per accedere alla procedura informatizzata. “Per le gare sotto il milione di euro ci si affiderà al sistema SIPRONEG (Sistema Informativo Procedura Negoziata ndr) – ha affermato l’assessore – che da domani mattina sarà aperto a tutte le imprese interessate”. Le imprese verranno dunque verificate, otterranno la certificazione e a rotazione entreranno nel sistema in base agli appalti esistenti. Una vigilanza in tempo reale che, parafrasando Alfonso Sabella, renderebbe Roma “più realista del Re” ovvero più ligia e attenta alla trasparenza rispetto alle procedure (gds)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23714 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014