torna su
27/09/2020
27/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Giubileo, patto Gabrielli-Tagliavanti: legalità volano economico

Stipulato in prefettura il protocollo tra Gabrielli e CCIAA per il Giubileo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 21/10/2015 ore 12:57
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:59)

Siglato l’accordo per il Giubileo tra le categorie produttive di Roma e i tutori dell’ordine pubblico. Obiettivo: lavorare insieme per la legalità, l’immagine di Roma e la produttività capitolina durante l’Anno Santo. Questa mattina a Palazzo Valentini il prefetto Franco Gabrielli e il presidente della CCIAA Lorenzo Tagliavanti si sono mostrati soddisfatti per l’accordo ma consapevoli che – senza una guida politica – la responsabilità per la buona riuscita del Giubileo ricadrà proprio sulla forza pubblica e sulle imprese romane. “Il protocollo per il momento riguarderà solo i municipi che prevedono percorsi giubilari – ha dichiarato Gabrielli – ma l’obiettivo è estenderlo a tutte le circoscrizioni”. Il prefetto ha poi sottolineato l’esigenza di coniugare “esigenza e saperi” grazie anche ai “Tavoli di osservazione” istituiti nei quindici municipi di Roma per mettere a confronto polizia, amministratori e imprese.

Un binomio che verrà rafforzato solo grazie a un incessante collaborazione tra istituzioni e territori, “perché essere sicuri significa produrre meglio. Bisogna dare la sensazione che i furbi non la facciano sempre franca”. Concorde nella forma e nella sostanza, Lorenzo Tagliavanti ha plaudito a un accordo in cui la vera protagonista è una “sicurezza partecipata” percepita e aiutata da tutta la città. “Tra crisi economica e terrorismo internazionale, la sicurezza durante l’Anno Santo sarà decisiva anche per il tessuto produttivo – ha sostenuto Tagliavanti – la CCIAA metterà a disposizione le sue competenze e la sua struttura per una buona riuscita dell’evento”. Lingue straniere per accogliere i turisti, servizi igienici e formazione di pubblica sicurezza sono alcuni punti fondanti dell’accordo. Gabrielli ha poi ricordato il ‘Piano di Controllo Coordinato del Territorio’ – in collaborazione con Zingaretti – che entro fine novembre porterà al numero unico per le emergenze “anche per aiutare i pellegrini a non perdersi nella giungla dei numeri”. Una novità integrata dalla notizia – storica – di un coordinamento tra sale operative di Polizia e Carabinieri. “In Protezione Civile ho imparato ad affrontare la ‘preoccupazione’ in senso etimologico – ha concluso il prefetto – risolvere i problemi prima che si verifichino” (gds)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23749 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014