torna su
22/09/2020
22/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

1 gennaio: giornata pace e apertura Porta a Santa Maggiore

marcia per via della Conciliazione

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 31/12/2015 ore 9:31
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:08)

E’ un primo gennaio intenso per Francesco. Oltre infatti a celebrare la consueta messa alle ore 10 nella basilica vaticana, alle 17 il Papa apre la Porta Santa a Santa Maria Maggiore. Ricorre anche la Giornata Mondiale della Pace, dal tema: “Vinci l’indifferenza e conquista la pace”, che rimanda anche al tema della Misericordia verso i nostri nemici. Per l’occasione, la Comunità di Sant’Egidio ha organizzato la consueta marcia per via della Conciliazione per ricordare i conflitti presenti nelle varie aree del pianeta.

 

Santa Maggiore è un luogo a cui il Papa tiene molto, vi va infatti di ritorno da ogni viaggio internazionale per ringraziare la Madonna Salus Populi romani. L’icona risale al primo millennio e la tradizione vuole che stata dipinta da san Luca. Storicamente è la più importante icona mariana di Roma, nonostante la sua devozione sia stata in parte ridimensionata nel corso dei secoli. Comunque da almeno il XV secolo è stata venerata come immagine miracolosa ed in seguito è stata adottata in particolare dai Gesuiti per diffondere la devozione alla Madre di Dio attraverso il movimento del Sodalizio di Nostra Signora. Francesco, anche lui gesuita, decise di pregare di fronte a tale icona subito dopo l’elezione a Pontefice. La Porta Santa, benedetta da Giovanni Paolo II l’8 dicembre del 2001, è stata portata a compimento dallo scultore Luigi Mattei e offerta alla basilica dall’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

 

La cerimonia prevede una messa dai canoni molto semplici, in pieno stile di Francesco, alla fine della quale il Papa probabilmente saluterà alcuni fedeli. La circolazione della zona, dalla tarda mattinata, vedrà una mini rivoluzione, anche se non è prevista una grande folla. D’altronde, anche i numeri delle udienze e degli incontri in Vaticano dicono che in qualche modo sta finendo l’effetto sorpresa dell’elezione di Bergoglio: tra il 2015 e il 2014 sono quasi dimezzate. (Alg)

 


 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23713 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014