torna su
26/10/2020
26/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Papa alla Fiera, sicurezza al top per l'incontro con i cardiologi

Un caso su quattro di morti per attacco cardiaco evitabile col defibrillatore

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 29/08/2016 ore 19:13
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:33)

Vigilanza massima per la presenza mercoledi 31 del Papa alla Fiera di Roma. Per quel giorno sia i congressisti sia il corteo di Francesco, che arriverà intorno alle 12.30, seguiranno percorsi particolari. Sono attesi circa 29.000 partecipanti provenienti da 140 paesi, con 500 sessioni scientifiche e oltre 1.500 relazioni.

 

“Il piano di sicurezza, studiato nei minimi dettagli insieme con gli organizzatori dell’evento ed i vertici della nuova Fiera di Roma, rappresenta un moderno esempio di partenariato pubblico e privato applicato alla sicurezza”, si sottolinea in una nota della Questura.

 

 

“Dal Papa arriverà un messaggio ‘alto’, sul valore della medicina al servizio degli altri – dice una nostra fonte – Un discorso anche etico, che metta in guardia dal ‘business sui malati. Insomma, il Pontefice parlerà del valore sociale della medicina”. Francesco ha deciso di accettare l’invito dei cardiologi ai primi di agosto, ma sollecitazioni affinché venisse erano arrivare anche dalla dirigenza della Fiera, che intendono rilanciare gli spazi lungo la Roma-Fiumicino con eventi di carattere internazionale. E infatti, l’amministratore unico della Fiera, Piero Piccinetti, ha detto che “per noi il pensiero che la nostra struttura possa essere cassa di risonanza per le parole del Santo Padre è un onore indescrivibile”.

 

 

Anche in Italia ci sono troppi casi di morti improvvise per patologie cardiache. Dei 50 mila casi italiani l’anno, un quarto potrebbe salvarsi con il defibrillatore. La maggiore efficacia si registra se l’intervento viene somministrato entro 5 minuti dall’evento: ogni minuto che passa si riduce la possibilità di sopravvivere del 10%. Ed ancora: dal congresso emerge che la  povertà e la crisi economica induce una grossa fetta della popolazione a modificare le abitudini alimentari, e spesso a recarsi in iper-discount e acquistare alimenti ricchi di acidi grassi e grassi saturi. Questi, infatti,  peggiorano lo stato di salute cardiovascolare aumentando il rischio di ipercolesterolemia. (Alg) 

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23970 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014