Siccità, l’allarme di Anbi Lazio: a rischio riserve sotterranee

Principalmente sulle province di Roma e Viterbo (in particolare, lungo il litorale)

Caldo soffocante ed assenza di piogge: dopo laghi e corsi d’acqua, si stanno “compromettendo” anche le riserve d’acqua sotterranee della regione Lazio. Il grido d’allarme arriva dall’Anbi Lazio in base ai dati che arrivano dall’Osservatorio risorse idriche.

” Emerge un deficit pluviometrico, che, purtroppo si protrae dall’anno scorso, confermando i caratteri di una siccita’ endemica in territori, dove serviranno anni per riequilibrare il bilancio idrologico. Il report settimanale e’ purtroppo fin troppo chiaro – sottolinea Sonia Ricci, Presidente di Anbi Lazio – la siccita’ di quest’anno ha caratteri nuovi e di assoluta gravita’, perche’ l’assenza di pioggia e neve sta intaccando anche riserve idriche, destinate prioritariamente all’uso potabile, provocando un deficit, che si protrarra’ nel tempo. Non intervenire urgentemente con un piano di infrastrutture per la raccolta delle acque piovane, come i 10.000 laghetti proposti da Anbi e Coldiretti, espone i territori al ripetersi di crisi sempre piu’ devastanti, perche’ ricadenti su contesti gia’ idricamente indeboliti”.

“I prelievi d’acqua a profondita’ maggiori – aggiunge Andrea Renna, Direttore di Anbi Lazio – comportano gravi rischi per l’equilibrio idrogeologico. La risposta alla siccita’ non puo’ essere la cultura del pozzo, bensi’ l’utilizzo razionale delle risorse di superficie, che devono essere incrementate, diminuendo la percentuale d’acqua, che termina inutilizzata in mare ed oggi pari all’89% dei circa 300 miliardi di metri cubi di pioggia, che annualmente cadono sul nostro Paese”. I dati fotografano una situazione “drammatica” soprattutto per l’agricoltura e quindi per la produzione di cibo.

“Sul Lazio e’ eccezionale il deficit pluviometrico, fin qui registrato principalmente sulle province di Roma e Viterbo (in particolare, lungo il litorale): quasi dappertutto sono caduti un centinaio di millimetri di pioggia in quasi 8 mesi ed il record negativo e’ detenuto da Ladispoli con soli mm. 94. Costante e’ il calo dei laghi di Bracciano, arrivato a -32 centimetri rispetto all’anno scorso e di Nemi, che ha raggiunto -cm. 96 sul 2021, ma anche il bacino di Turano cala di quasi un centimetro al giorno.

Nettamente inferiori alla media restano le portate del fiume Aniene, mentre quelle di Liri e Sacco sono ai minimi dal 2017; sono tornati sostanzialmente in linea con gli anni scorsi, invece, i livelli del Tevere scongiurando problemi all’economia agricola romana e non solo. A macchia di leopardo si e’ dovuto procedere con usi alternato della risorsa per l’irrigazione agricola nelle zone della provincia di Latina cosi’ come nel reatino, nel frusinate e anche nella zona di Tarquinia e Canino. Grazie alla varie riunioni e ai molteplici incontri che sempre piu’ frequente si sono tenuti nelle varie zone con i consorziati, i rappresentanti delle amministrazioni cittadine e delle organizzazioni agricole nonche’ dei referenti delle cooperative piu’ importanti del territorio, sono state sempre condivise seppur con rammarico le decisioni assunte. Purtroppo le previsioni non lasciano sperare a breve in concreti miglioramenti ed anche per questo c’e’ molta preoccupazione.

La cultura della prevenzione mediante l’avvio di progetti come quello invasi che potrebbe rappresentare una concreta inversione di tendenza con la quale tentare di dare risposte a imprenditori agricoli, cittadini ed Istituzioni”, evidenzia Anbi.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna