torna su
30/09/2020
30/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Scoperto programma genetico che può fermare invecchiamento

Individuato alla Scuola Normale di Pisa in un piccolo vertebrato

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 3/12/2015 ore 13:06
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:05)

Individuato alla Scuola Normale di Pisa, in un piccolo vertebrato che ha gli stessi geni dell’invecchiamento umano, il programma genetico che può fermare l’invecchiamento. Questo vertebrato, il Nothobranchius furzeri, un piccolo pesciolino del Mozambico,  è in grado di bloccare lo sviluppo genetico embrionale, che è simile a quello dell’invecchiamento. Durante la sua breve vita, sviluppa le stesse patologie che affliggono gli anziani: tumori, malattie cardiovascolari e neurodegenerazione. La ricerca sarà pubblicata domani sulla prestigiosa rivista internazionale Cell.  “Questa ricerca può dare un contributo importante e accelerare lo sviluppo di nuovi farmaci  per le malattie legate all’invecchiamento e alla neurodegenerazione tra cui l’Alzheimer”, afferma il prof. Antonino Cattaneo, Direttore Scientifico dell’EBRI, L’Istituto di ricerca fondato dalla Accademica dei Lincei  Rita Levi Montalcini e Direttore del Laboratorio BIO della Scuola Normale Superiore.  Alla ricerca, condotta in collaborazione tra la Scuola Normale di Pisa e l’Istituto Leibniz di Jena (Germania) ha partecipato per il sequenziamento dei dati il ricercatore Ivan Arisi, responsabile della facility di Bioinformatica dell’EBRI e coautore dell’articolo che appare domani sulla  rivista scientifica Cell. (gc)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23770 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014