torna su
13/11/2019
13/11/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Capodanno: lotta ai fuochi artificiali illegali

E’ guerra dichiarata tra comuni e botti di capodanno. Dai sequestri alle multe, dai consigli per acquisto e uso alle premure per gli amici pets

Anna Ricca
di Anna Ricca | 2016-12-31 31/12/2016 ore 9:40

capodanno guerra ai botti

Botti SI Botti No.  Tanti sono i comuni, grandi e piccoli, che iniziano a prendere posizione CONTRO l’uso sconsiderato dei fuochi artificiali di fine d’anno.
Amministrazioni pubbliche che vogliono i botti lontani dai luoghi molto affollati, dagli ospedali, dai parchi giochi, dalle zone boscose (sono già più di mille le ordinanze restrittive). E da più parti si chiede a gran voce il VETO TOTALE  e un provvedimento a livello Statale.
Fioccano le multe e le denunce. Mentre i sequestri di botti illegali si moltiplicano e ormai si parla di TONNELLATE confiscate!!!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                La loro storia viene dalla Cina e da un passato lontanissimo.  Arrivati da noi intorno al XII secolo sono diventati un’eccellenza creativa italiana. Certo è  innegabile che gli spettacoli pirotecnici ben organizzanti siano sempre più complessi e fascinosi.          

Ma quelli rischiosi, che fanno paura e feriti e morti sono quelli “clandestini”, costruiti da mani improvvisate o importati illecitamente. Proprio contro questa pioggia di fuoco nemico si deve lottare e informare gli utenti. Da parte nostra, oltre agli inviti alla prudenza, riportiamo 2 comunicati ADUC sul tema:

 

Fuochi d’artificio. Consigli

Il Capodanno prossimo e’ l’occasione per festeggiare anche con i fuochi di artificio. L’uso scorretto, come possiamo constatare ogni anno, puo’ provocare seri danni. Vediamo qualche consiglio.
* L’acquisto dei fuochi va fatto in negozi autorizzati vanno, quindi, evitate le bancarelle improvvisate dei cosiddetti “vu cumpra” o l’acquisizione dagli “amici”.
* Il prodotto deve avere le istruzioni per l’uso e gli estremi dell’autorizzazione ministeriale e il marchio di conformita’ europea CE.
* L’accensione va fatta in luogo aperto e lontano da altre fonti di calore o da materiale infiammabile.
* Va verificata la traiettoria per evitare che il fuoco cada su persone, su abitazioni o su tutto cio’ che puo’ infiammarsi. I fuochi di artifici sono belli e divertenti e l’occasione delle festivita’ propizia, evitiamo che diventi un dramma.”
Vita da cani. I botti di Capodanno, suggerimenti per i quattrozampe

Pronti per i festeggiamenti della notte di Capodanno? E’ pronto anche il nostro amico a quattrozampe? L’udito del cane infatti e’ molto piu’ sviluppato del nostro, tanto che riesce a sentire anche i cosiddetti “ultrasuoni”, per noi impercepibili. Capita cosi’ che di fronte ad un rumore forte abbiano paura, come quando sentono passare l’aspirapolvere in casa, ma anche rumori inaspettati e naturali come
tuoni e vento suscitano in alcuni di loro reazioni di panico e di ansia.
Non tutti i nostri amici reagiscono allo stesso modo ai botti, purtroppo ci sono cani e gatti che hanno veri e propri attacchi di ansia e panico che possono arrivare a causarne la morte o per infarto o per effetti conseguenti alla fuga o al cercare rifugio. Circolano ovunque liste di consigli e suggerimenti per cercare di tamponare in parte questo problema.
Riprendiamo i suggerimenti dell’Oipa Italia Onlus, l’Organizzazione internazionale protezione animali affiliata al Dipartimento della Pubblica informazione dell’Onu, che si possono mettere in pratica per aiutare i nostri amici pelosi a superare la nottata.
1) Teniamo gli animali il più lontano possibile dai festeggiamenti e dai luoghi in cui i petardi vengono esplosi.
2) Non lasciamoli soli: gli animali potrebbero avere reazioni incontrollate e ferirsi, quindi è necessario stare loro vicino, mostrandosi tranquilli e distraendoli, per esempio con dei bocconcini.
3) Non lasciamoli in giardino: anche se l’animale vive abitualmente fuori, in occasione dei botti si sentirà più protetto con noi tra le mura di casa, ed eviteremo anche il pericolo di fuga.
4) Alziamo il volume di radio o televisione: sembra assurdo, ma in fondo quelli sono rumori famigliari, e il volume alto può aiutare a ridurre i rumori esterni (anche chiudendo le persiane o abbassando le tapparelle).
5) Lasciamo che si rifugino dove preferiscono: tutti abbiamo stabilito delle zone off-limits per i nostri amici animali, ma in questa situazione si può fare un temporaneo strappo alla regola.
6) Teniamoli al guinzaglio durante le passeggiate: anche se abitualmente frequentiamo aree dove possono circolare liberamente, è meglio in questo periodo scongiurare il pericolo di fuga. E se possibile evitiamo le ore potenzialmente a più rischio botti, come la mezzanotte di Capodanno.
7) Evitiamo le soluzioni fai da te: meglio rivolgersi presso il proprio veterinario già con qualche mese di anticipo, di modo da impostare una terapia comportamentista per abituare e desensibilizzare l’animale a questi rumori, oppure una terapia farmacologica per aiutare l’animale a superare almeno la mezzanotte di Capodanno.
8) Sensibilizziamo l’opinione pubblica: i vicini, i bambini, gli amici sono tutte persone a cui, con il passaparola, si può far capire quanto siano pericolosi i botti per i nostri amici animali.”

Stampa

A proposito dell'autore

Anna Ricca
512 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014