torna su
25/09/2020
25/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

La Grecia apre all’Italia, da fine giugno si potrà andare in vacanza

E l’Austria riapre il 16 giugno il confine con il nostro Paese

Avatar
di Redazione | 2020-06-10 10/06/2020 ore 11:00

“Il ministro Di Maio mi ha aggiornato sui dati in Italia nettamente migliorati. La Grecia toglie dal prossimo lunedì, in maniera graduale fino alla fine del mese, tutte le limitazioni nei confronti dell’Italia. Esprimo i sentimenti di solidarietà da parte del popolo greco al popolo italiano”, ha detto il ministro degli Esteri greco Dendias in conferenza stampa ad Atene con il ministro Di Maio.

“Sono contento che l’amico Dendias mi abbia rassicurato sul fatto che la Grecia aprirà all’Italia sicuramente entro la fine del mese, eliminando qualsiasi tipo di blocco e obbligo di quarantena per gli italiani con l’impegno a valutare, in base ai dati, una riapertura già dalle prossime settimane”, le parole del titolare della Farnesina. In Ue servono “regole e criteri uniformi per la mobilità”, per “non frammentare il mercato del turismo”, ha sottolilneato Di Maio precisando: “Eventuali intese tra paesi non sono una soluzione”.

L’Austria riaprirà il 16 giugno, alle ore 00.00, il confine verso l’Italia, secondo quanto anticipa il quotidiano viennese Der Standard. Vienna – scrive il giornale – rinuncia a una soluzione regionale, prospettata ancora ieri del ministro degli esteri Alexander Schallenberg, perché troppo complicata nella sua applicazione. La libera circolazione viene ristabilita anche verso Croazia e Grecia. Resta invece ancora in vigore lo stop ai viaggi verso la Svezia. (fonte Ansa)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23737 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014