22 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Vaccini, al via prenotazioni per tutte le fasce d’età

Giugno mese cruciale per la lotta al virus, partono anche le vaccinazioni in aziende e farmacie

Da oggi le somministrazioni del vaccino anti Covid-19 sono aperte a tutti gli over 12, senza nessuna distinzione di fascia d’età. Al via anche le vaccinazioni all’interno delle aziende e nelle farmacie. Giugno è infatti un mese cruciale per la lotta contro il virus, come ribadito dal commissario per l’emergenza, il generale Paolo Francesco Figliuolo, che nei giorni scorsi ha annunciato l’arrivo di venti milioni di dosi. Le regioni, seppur in modo disomogeneo, stanno accelerando in queste ore con open day e prenotazioni last minute in modo da allargare le vaccinazioni quanto più possibile. “Da domani tutti potranno prenotare il vaccino anti Covid. Possiamo ancora accelerare la nostra campagna per superare questa stagione così difficile”, ha detto ieri il ministro della Salute, Roberto Speranza, in occasione della festa della Repubblica. Sempre ieri presso l’hub nazionale vaccini Difesa di Pratica di Maresono state preparate – per la successiva distribuzione alle Regioni – 370 mila dosi di Janssen (Johnson & Johnson).

Intanto sono 35.817.595 i vaccini anti-Covid somministrati nel nostro Paese, l’89,6 per cento delle dosi finora consegnate, pari a 39.958.409 (27.576.022 Pfizer/BioNTech, 7.420.580di AstraZeneca, 3.735.557 di Moderna e 1.226.250 i Johnson & Johnson), mentre ammonta a 12.397.459 (il 22,85 per cento della popolazione over 12) il totale delle persone vaccinate a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino. Lo riferisce il bollettino elaborato da ministero della Salute, presidenza del Consiglio dei ministri e dal commissario straordinario al Covid-19, aggiornato alle 06:08 di oggi. Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini di dosi somministrate la Lombardia con 6.206.315 (il 92,2 per cento delle dosi ricevute), il Lazio con 3.471.001 (l’87,4 per cento) e la Campania con 3.427.442 (il 90,3 per cento).

Oggi si dovrebbe poi tenere un tavolo tecnico a Palazzo Chigi sulle linee guida per le zone bianche e sulla questione relativa al limite di quattro persone al tavolo nei ristoranti, misura che ha visto una parte della maggioranza e delle regioni chiedere un confronto con l’esecutivo per togliere il limite almeno nelle zone bianche, tenendola in vigore nelle zone gialle. Sarà un tavolo tecnico fra governo, regioni e Comitato tecnico scientifico a fare il punto dopo la lettera al ministro della Salute Roberto Speranza del presidente del Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, che ha chiesto di “condividere gli eventuali chiarimenti in via preventiva”, poiché le regioni “ritengono che le indicazioni non siano applicabili, in particolare, alle zona bianche”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014