torna su
24/09/2020
24/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il cinema Anteo apre le porte al Milano Design Film Festival

Quattro giorni di proiezioni e dibattiti sotto il segno dell'architettura

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 15/10/2015 ore 18:32
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:58)

L’architettura e il design si preparano ad andare in scena. Sul grande schermo. Dal 15 al 18 ottobre (l’inaugurazione è la sera di giovedì 15) torna infatti il Milano Design Film Festival, terza edizione della kermesse nata da un’idea dell’architetto e interior designer Antonella Dedini e della giornalista Silvia Robertazzi.

In meno di quattro giorni il cinea Anteo, a un passo da piazza XXV Aprile (cioè fra Porta Nuova e Repubblica) ospiterà oltre cinquanta film in quattro sale e accoglierà altrettanti ospiti di fama internazionale.

Design e architettura, ma anche sostenibilità e città faranno da fil rouge a tutte le proiezioni e costituiranno i temi base di tutti i dibattiti. Novità di quest’anno, l’accostamento di linguaggi del passato a quelli del futuro, per evidenziare come tutto sia indispensabile per la costruzione di nuovi linguaggi di comunicazione. Con un nuovo ingresso: il sistema della moda, ormai inscindibilmente legato a quello del design. Da qui è nata Modarama, la rassegna nella rassegna: una selezione di titoli in equilibrio fra moda e design.

Ed ecco allora gli eventi, tra i quali segnaliamo prima di tutto quello inaugurale, cioè la proiezione di The Price of Desire della francese Mary McGuckian, che sarà fra l’altro presente in sala per poi tornare in occasione della seconda propiezione, venerdì 16. Nello stesso giorno, il docufilm Amare Giò Ponti, presentato da Philippe Daverio e Francesca Molteni (che ne è anche la regista), ma anche le due proiezioni sotto il segno della moda, cioè Una rivoluzione dell’abbigliamento: il trionfo della TuTa e Sette canne, un vestito di Michelangelo Antonioni.

E poi, di sabato, Le Corbusier 50. Storia di incontri che hanno rivoluzionato il design, mentre domenica ricordiamo The Nose – Searching for Blamage, ispirato al profumiere Alessandro Gualtieri noto come “The Nose” (oggi vive in Olanda e, di fatti, olandese è anche il regista,Paul Rigter). Senza dimenticare le numerose première: ma per tutto il ricco programma vi consigliamo di visitare il sito, www.milanodesignfilmfestival.com.

t.p.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23737 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014