torna su
10/12/2019
10/12/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

“Cucine galeotte” arrivano in Cascina Torrette

Il progetto “Sapori reclusi” porta chef-detenuti dietro ai fornelli

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 13/07/2016 ore 18:53
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:29)

Giovedì 14 luglio si potranno gustare sapori davvero speciali all’interno della suggestiva Cascina Torrette, in via Gabetti 15: “Sapori reclusi”, tutti da provare, assaggiare e degustare. “Reclusi” perché i sei chef che si cimenteranno in ricette preparate sul momento arrivano dai fornelli delle carceri di Opera, San Vittore e Bollate, ma anche dalla casa circondariale di Pozzuoli e dall’istituto di detenzione San Michele di Alessandria.

 

Il menu di questi cuochi e cuoche d’eccezione prevede piatti come le orecchiette alla San Michele e la parmigiana di melanzane da Pozzuoli, coni di pasta sfoglia con mozzarella e torta di mele. La cena nelle “Cucine galeotte” sarà preceduta, alle ore 18, da un incontro dedicato alle buone pratiche di formazione professionale nelle carceri italiane. L’appuntamento rientra infatti nel percorso avviato anni fa dall’associazione Sapori Reclusi, che ha portato fra l’altro a realizzare un laboratorio all’interno delle carceri piemontesi, da cui è nato un libro foto-gastronomico di prossima pubblicazione, grazie al supporto di chef come Ugo Alciati e Andrea Ribaldone, tra i protagonisti di Expo.

 

La cena sarà poi incorniciata da una mostra fotografica che immortala vari cuochi-detenuti dietro ai fornelli, sempre nell’ambito di alcuni progetti di formazione. Il cibo diventa insomma un punto di partenza attraverso il quale a tutti viene concessa una seconda opportunità. Non solo: rappresenta anche un’opportunità per scavalcare le barriere, fisiche e psicologiche. “Cucine galeotte” rientra infatti nel percorso organizzato nell’ambito dello United Food Of Milano curato da Daniele de Michele, noto come Don Pasta, e dal centro di produzione artistica milanese “Mare culturale urbano” che gestisce Cascina Torrette.

 

L’appuntamento con i “sapori reclusi”, però, non finirà giovedì 14 luglio. Dal 15 al 17 ci sarà un mercatino e si potranno così acquistare direttamente in cascina i prodotti gastronomici ma anche artigianali realizzati proprio nelle carceri italiane.

 

 

t.p.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21720 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014