Scuola: Bianchi, topi a Roma? Comune faccia disinfestazioni

" dirigenti scolastici hanno fatto il possibile e di più per garantire la ripartenza della scuola con celerità ed efficienza"

Topo (Foto Omniroma)

“Il degrado non e’ giustificabile ma i dirigenti scolastici hanno fatto il possibile e di piu’ per garantire la ripartenza della scuola con celerita’ ed efficienza. Per quanto riguarda i ratti in alcune scuole romane, e’ compito del comune prevedere disinfestazioni preventive”. A dirlo, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi rispondendo in question time a Federico Mollicone (FdI).

A soli pochi giorni dalla riapertura delle scuole, è stata infatti segnalata la presenza di ratti morti nel cortile di uno dei licei più grandi della città di Roma, il liceo Morgagni, in zona Monteverde vecchio, a due passi da un istituto comprensivo e da un’altra scuola superiore, oltre che dagli uffici della polizia locale del XII municipio;

l’allarme è stato dato anche due settimane fa, al secondo giorno di scuola, da una scuola materna comunale, in zona Malafede, chiusa per topi a seguito della testimonianza di un bambino, che ai genitori aveva raccontato di aver visto un ratto nella struttura educativa capitolina. In questo caso Nas e Sisp dell’azienda sanitaria locale Roma 3, giunti sul posto, hanno accertato la presenza dei roditori e hanno predisposto la chiusura della materna.

Nell’istituto Morgagni, i topi morti sono stati ritrovati in un’area del cortile della scuola che attualmente si presenta come una discarica di banchi e sedie, un problema comune a molti istituti, che non sanno con quali fondi smaltire gli arredi.

Il ministro ha infine ricordato che nel giugno scorso il ministero ha effettuato un monitoraggio dei banchi monoposto e rilevando la non conformita’ ad alcune normative di quelli della ditta Nautilus, li ha fatti ritirare, assegnando al tempo stesso le risorse per completare l’acquisto degli arredi scolastici mancanti.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna