torna su
28/10/2020
28/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Lombardia: ex assessore Nicoli Cristiani chiede patteggiamento a 2 anni

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 19/06/2014 ore 13:51
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:18)

(ASCA) – Milano, 19 giu 2014 – Franco Nicoli Cristiani, ex assessore ed ex vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia, chiede di patteggiare 2 anni di condanna nel procedimento sulla discarica di Cappella Cantone. Richiesta di patteggiamento a poco meno di 2 anni e’ stata avanzata dall’ex dirigente dell’Arpa Giuseppe Rotondaro. La decisione del gup Vincenzo Tutinelli arrivera’ il prossimo 2 luglio, giorno in cui sara’ piu’ chiara anche la sorte degli altri 9 imputati: 7 di loro hanno scelto la strada del rito abbreviato, mentre l’ex governatore Roberto Formigoni e l’ex assessore Marcello Raimondi saranno giudicati con rito ordinario. Nicoli Cristiani e’ finito in carcere nel novembre 2011. Secondo l’accusa, avrebbe incassato una mazzetta da 100 mila euro versata dall’imprenditore Pier Luca Locatelli, titolare del sito dove si trova la discarica di Cappella Cantone. Nel mirino della pubblica accusa c’e’ la delibera regionale dell’aprile 2011 (relatore lo stesso Formigoni) che ha assegnato alla discarica di Cappella Cantone la possibilita’ di accogliere scorie di amianto. Un via libera dal Pirellone che secondo l’ipotesi accusatoria sarebbe costato a Locatelli un milione di euro di tangenti versati ai vertici della Compagnia delle Opere di Bergamo. Il 2 luglio il gup Tutinelli decidera’ anche sul rinvio a giudizio chiesto dalla Procura per Formigoni. L’attuale senatore di Ncd e’ accusato di corruzione. fcz res

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23990 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014