torna su
08/03/2021
08/03/2021

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Lombardia: giunta nega a comune Milano aumento case popolari in deroga

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 25/07/2014 ore 14:39
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:23)

Milano, 25 lug 2014 – ”Non esistono cittadini ‘di serie A’ e cittadini ‘di serie B’. Tutti devono avere la stessa possibilita’ di accedere a un alloggio popolare e non possono esserci scorciatoie per nessuno”. Lo ha detto – riferisce una nota – l’assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunita’ di Regione Lombardia, Paola Bulbarelli, illustrando la delibera con la quale la Giunta regionale, oggi, non ha concesso al Comune di Milano la possibilita’ di aumentare dal 25 al 50 la percentuale di alloggi da assegnare in deroga alle graduatorie. ”Entro la fine dell’anno – ha spiegato Bulbarelli – ridaremo alle famiglie milanesi 1.100 alloggi. Per la rimessa a norma delle case sfitte il Comune ha gia’ beneficiato di 6,6 milioni di euro per 700 alloggi e l’Aler di 5,8 milioni di euro per altri 400. Finanziamenti che fanno parte di una manovra, che vede uno stanziamento regionale di 25 milioni di euro, resi disponibili nell’ultimo anno, con il quale saranno rimessi a posto circa 2.000 alloggi in tutta la regione. Solo per l’Aler di Milano, cio’ significa poter assegnare oltre 60 case al mese. E le assegnazioni sono cominciate gia’ due mesi fa”. I 1.100 alloggi che saranno ristrutturati spiegano da soli perche’ la richiesta della deroga non e’ accettabile. ”Il Comune di Milano – ha detto ancora Bulbarelli – ci ha chiesto una deroga per 426 alloggi. Noi oggi dimostriamo con fatti concreti, che riusciamo a fare ben di piu’, garantendo a chi ha diritto a un alloggio che non verra’ superato in curva da chi, ad esempio, si trova davanti a uno sfratto esecutivo. Quasi il 30 per cento degli alloggi che si rendono disponibili nel corso di un anno sono destinati a specifiche categorie quali anziani, disabili, persone sole o con minori, senza ricorrere all’assegnazione in deroga”. L’assessore Bulbarelli ha poi denunciato come oggi siano ancora oltre 3.500 gli alloggi occupati abusivamente nel comune di Milano. ”Gli sgomberi vanno fatti – ha concluso – e in tempi rapidi. Bisogna avere la forza di prendere decisioni anche impopolari, per tutelare i tanti inquilini che, invece, pagano regolarmente i canoni di affitto”. com-stt sam

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25020 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014