torna su
11/04/2021
11/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ingaggia sicario su dark web, 10mila euro per sfregiare ex

Arrestato un manager milanese:”Volevo lasciare un segno indelebile sul suo corpo come lei aveva lasciato un segno indelebile sul mio”, ha detto agli investigatori

Avatar
di Redazione | 2021-04-7 7/04/2021 ore 16:00

Quattro pagamenti per un valore complessivo di quasi 10 mila euro per “cagionare alla sua ex lesioni gravissime”. E’ quanto aveva pattuito il manager 40enne milanese arrestato oggi su richiesta della Procura di Roma per stalking e tentate lesioni personali, con un “sicario” contattato sul dark web. In base a quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare l’uomo avrebbe dovuto saldare il pagamento attraverso Bitcoin.

L’indagine e’ stata svolta dal sostituto procuratore Daniela Cento coordinata dal procuratore Michele Prestipino.

L’uomo arrestato e’ un funzionario dell’Enel ed era in cerca di “un killer italiano” disponibile a “spezzare la schiena” alla sua ex fidanzata in “maniera tale da farla rimanere paralizzata e costretta a muoversi in sedia a rotelle” e “versarle l’acido sul viso”. Era lo scioccante piano organizzato dal manager. Il progetto emerge dai capi di imputazione citati nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Daniela Caramico D’Auria.

In base a quanto accertato dagli inquirenti l’uomo non aveva accettato l’interruzione della relazione tra i due avvenuta tra il novembre del 2018 e il luglio del 2020. L’arrestato aveva “cominciato a contattare insistentemente la donna tramite messaggi e mail invitandola ad incontri per riallacciare la relazione”. Ai no ripetuti della donna, il manager “in concorso con altre persone allo stato ancora non identificate, navigando sul sito “Intenet assassins” presente sul dark web, comunicando con un ignoto interlocutore al quale commissionava la ricerca di un killer fornendo per la materiale esecuzione i dati personali della donna come la residenza e il profilo Facebook”.

Al termine delle perquisizioni svolte il 27 febbraio scorso nella sua abitazione, in Lombardia, “l’indagato, tramite i difensori di fiducia, ha chiesto anche di potere revocare – scrive il gip – le punizioni commissionate sul dark web al fine di salvaguardare l’integrita’ psico fisica della persona offesa”. Nel corso dell’interrogatorio ha ammesso “di aver posto in essere delle condotte insistenti, pressanti e ossessive nei confronti della vittima e al contempo entrava nella pagina web inviando due messaggi, uno all’intermediario e uno al killer assegnatogli, al fine di revocare l’incarico punitivo, messaggio al quale effettivamente l’intermediario rispondeva, intendendo revocato l’incarico oggetto le lesioni gravissime”.

Nel corso delle perquisizioni sono state trovati “37 fogli di carta riportanti pensieri manoscritti verso la ex, un libro dal titolo il ‘Cervello delle donne’, ‘Capire la mente femminile attraverso la scienza’ – e’ scritto nell’ordinanza -.

Nella cronologia del web sono state trovate come chiavi di ricerca locuzioni del tipo ‘adrenalina’ e ‘adrenalina suicida’”.

Dall’ordinanza firmata dal gip di Roma emerge, inoltre, che il manager aveva fornito anche indicazioni “circa la modalita’ di esecuzione”. Il tutto doveva “sembrare una rapina” e l’aggressore avrebbe “dovuto sottrarre la borsa della vittima. “Domani carichero’ bitcoin sul portafogli – scriveva l’uomo all’interlocutore contattato nel dark web -. Voglio che resti paralizzata dalla schiena in giu’ e che vada sulla sedia a rotelle e le dovete tirare l’acido in faccia senza prendere gli occhi”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25264 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014