torna su
21/01/2021
21/01/2021

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Papa: istituzioni si impegnino per garantire diritti popoli zingari

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 5/06/2014 ore 12:04
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:17)

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 5 giu 2014 – Le ”istituzioni locali e nazionali, con il supporto della comunita’ internazionale” si impegnino per garantire i diritti delle popolazioni zingare che oggi troppo spesso ”si trovano ai margini della societa’, e a volte sono visti con ostilita’ e sospetto” e che ”sono scarsamente coinvolti nelle dinamiche politiche, economiche e sociali del territorio”. E’ quanto chiesto da papa Francesco che ha parlato di ”realta’ complessa”, ricordando che ”anche il popolo zingaro e’ chiamato a contribuire al bene comune, e questo e’ possibile con adeguati itinerari di corresponsabilita’, nell’osservanza dei doveri e nella promozione dei diritti di ciascuno”. Occasione per affrontare il non semplice tema dei diritti e dei doveri dei popoli nomadi e’ stata, stamane in Vaticano, l’udienza ai partecipanti all’Incontro promosso dal Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti ”La Chiesa e gli Zingari: annunciare il Vangelo nelle periferie”, aperto proprio oggi in Vaticano. ”Tra le cause che nell’odierna societa’ provocano situazioni di miseria in una parte della popolazione, possiamo individuare la mancanza di strutture educative per la formazione culturale e professionale, il difficile accesso all’assistenza sanitaria, la discriminazione nel mercato del lavoro e la carenza di alloggi dignitosi. – ha detto Francesco – Se queste piaghe del tessuto sociale colpiscono tutti indistintamente, i gruppi piu’ deboli sono quelli che piu’ facilmente diventano vittime delle nuove forme di schiavitu”’, e’ stata, quindi, la sua riflessione. ”Sono le persone meno tutelate – ha poi aggiunto – che cadono nella trappola dello sfruttamento, dell’accattonaggio forzato e di diverse forme di abuso. Gli zingari sono tra i piu’ vulnerabili, soprattutto quando mancano gli aiuti per l’integrazione e la promozione della persona nelle varie dimensioni del vivere civile”. Da questa consapevolezza nasce l’impegno della Chiesa per le popolazioni rom e la sua ”azione solidale in favore del popolo zingaro”. Ma questo non puo’ certo bastare ed e’ cosi’ che papa Francesco ha chiesto che ”vi sia l’impegno delle istituzioni locali e nazionali e il supporto della comunita’ internazionale, per individuare progetti e interventi volti al miglioramento della qualita’ della vita. Di fronte alle difficolta’ e ai disagi dei fratelli, tutti – ha infatti concluso – devono sentirsi interpellati a porre al centro delle loro attenzioni la dignita’ di ogni persona umana. Per quanto riguarda la situazione degli zingari in tutto il mondo, oggi e’ quanto mai necessario elaborare nuovi approcci in ambito civile, culturale e sociale, come pure nella strategia pastorale della Chiesa, per far fronte alle sfide che emergono da forme moderne di persecuzione, di oppressione e, talvolta, anche di schiavitu”’. gc

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24663 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014