torna su
30/09/2020
30/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Mafia Capitale, i dubbi e le prospettive della Fase 2 di Orfini

Dalla Festa de L’Unità: dopo la relazione del prefetto si cambia passo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 7/07/2015 ore 14:03
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:48)

Una ‘fase 2’ della politica romana per cambiare passo e far ripartire la città. Un secondo round – successivo alla relazione del prefetto – da cui riprendere le redini dell’amministrazione capitolina. Magari con un piccolo rimpasto nella giunta. E’ questa la sintesi dell’intervento del Presidente del PD Matteo Orfini alla Festa de L’Unità di Roma. Un progetto di rilancio del partito locale e dell’azione di Marino iniziata con la severa relazione di Fabrizio Barca sui circoli poco virtuosi che culminerà, per l’appunto, con la ‘sentenza’ su Mafia Capitale che Franco Gabrielli consegnerà ad Angelino Alfano. Un documento che ispirerà anche il decreto sul Giubileo, pietra miliare dell’organizzazione dell’Anno Santo in cui verranno stabiliti i fondi e divise le competenze. L’obiettivo del PD romano è il modello Expo ma ogni riflessione è subordinata al responso prefettizio. Una nuova fase politica dopo l’estate dunque. Un secondo atto che sembra più una formula taumaturgica per esorcizzare nuove frizioni tra esecutivo nazionale e comunale che una reale prospettiva politica. Se la relazione del Prefetto dovesse essere benevola perché cambiare passo, rivedere le strategie e cambiare la squadra del Sindaco? Se il documento dovesse essere impietoso, perentorio nella constatazione di infiltrazioni mafiose all’interno dell’amministrazione come si fa a prevedere una seconda fase e non il commissariamento? Oggi Matteo Orfini è la figura fondamentale del Partito Democratico romano e nazionale. Il trait d’union che collega il renzianissimo Partito della Nazione con la militanza, i circoli, l’elettorato che si trova più a sinistra del premier ma ne approva le decisioni. Per questo l’annuncio di una ‘fase 2’ appare più come una rassicurazione verso Matteo Renzi e un’iniezione di fiducia nei confronti di Ignazio Marino. “La fase due in realtà è iniziata da tempo – ha raccontato a Radiocolonna Giulia Tempesta, vicecapogruppo PD in Campidoglio – la relazione di Gabrielli sarà un modo per capire meglio le criticità e cambiare la rotta”. Decoro urbano e manutenzione delle strade, per Tempesta, sono il segno che l’amministrazione c’è e intende affrontare i problemi con tutti i mezzi a disposizione. “Dobbiamo andare avanti, la città ne ha bisogno – ha concluso la giovane consigliera – abbiamo posto le basi per ritrovare l’equilibrio su un terreno scivoloso e sono convinta che presto raccoglieremo i frutti”. (G.D.S.)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23768 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014