torna su
26/09/2020
26/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Marino: pronto un piano mid term, i risultati tra un anno

Il sindaco a Repubblica: sono responsabile di avere premuto il tasto reset

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 24/07/2015 ore 10:22
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:50)

“Ho interrotto ormai da molti mesi i meccanismi di trasmissione diretta del denaro, quello che ha portato all’infiltrazione di Mafia capitale fino ai vertici dell’amministrazione ai tempi di Alemanno. Di questo mi sento responsabile: di aver premuto reset, di aver interrotto il metodo che avvantaggiava i criminali”. Cosi’ il sindaco di Roma Ignazio Marino intervistato da La Repubblica che sui disagi della citta’ come trasporti, rifiuti e stato delle strade dice: “Per il cambiamento occorrono mesi, ormai in buona parte trascorsi. Spero che tra un anno i cittadini di Roma possano rendersi conto di quanto abbiamo fatto. Ma gia’ a partire da settembre sapremo i vincitori di numerose gare, a partire da quelle per la cura del verde. Roma e’ una citta’ sporca? E’ vero, Roma non e’ ancora pulita e nemmeno io vedo i miglioramenti che vorrei. Pero’ ho messo in atto tutte le misure necessarie, compreso l’allontanamento delle persone che avevano fatto dell’Ama un’azienda asservita a Mafia capitale. Abbiamo portato la differenziata dal 20 al 45%, abbiamo disegnato 800 percorsi diversi per le spazzatrici. Prima, gli operatori salivano su un mezzo e decidevano loro dove andare. Credo nel pubblico ma se Ama non sara’ in grado di tenere la citta’ pulita saro’ costretto a rivolgermi ai privati”. “Abbiamo trovato Atac in una condizione fallimentare, con centinaia di milioni di debiti – continua Marino – Nel 2013, accanto alla voce ‘trasferimenti’ dalla Regione c’era uno zero. Poi sono arrivati 140 milioni. Milano ne riceve piu’ del doppio. Anche per i trasporti penso a un partner industriale che possa dare un contributo ad Atac. Mi metto nei panni del cittadino che ignora il nuovo corso di questo cda e vuole che l’autobus passi in orario, che non sia stracolmo, che ci sia l’aria condizionata. Lo voglio anche io, ma senza risanamento e’ impossibile anche sperarlo. Credo che i cittadini capiscano che siamo nel mezzo di un cambiamento. I romani sono intelligenti e si rendono conto quando hanno a che fare con persone che ce la mettono tutta. Renzi chiede un rilancio, di “governare o andare a casa”. “Voglio attendere le valutazioni di un servitore rigoroso dello stato come il ministro Alfano. Dopo ci sara’ l’annuncio: indicheremo le nostre priorita’ per i prossimi mesi, un programma di ‘mid term’ che avra’ al centro trasporti e pulizia. Saranno il nostro mantra quotidiano”. (gc)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23745 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014