torna su
22/08/2019
22/08/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

112 Numero unico emergenze per Roma

Finalmente a Roma e Provincia ci sarà un solo numero da chiamare

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 31/08/2015 ore 19:25
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:54)

Dal primo novembre i cittadini di Roma e provincia, per qualsiasi emergenza, potranno comporre un unico numero: il 112. Ad annunciarlo è stato il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, nel corso di un sopralluogo, insieme al prefetto di Roma Franco Gabrielli, in quella che sarà la sede della nuova Centrale Unica per le Emergenze di Roma e provincia: la ex Casa della Bambina Giuliano Dalmata, sulla via Laurentina, “un cantiere che, nella parte infrastrutturale e di arredamento è concluso”, ha precisato Zingaretti, mentre “nei prossimi giorni partirà l’allestimento informatico”. Erano presenti questa mattina anche il vicepresidente della Regione Massimiliano Smeriglio, il presidente del Consiglio regionale del Lazio Daniele Leodori e il coordinatore della Cabina di Regia del sistema sanitario regionale, Alessio D’Amato. 

A ospitare la Centrale Unica per le Emergenze sarà dunque uno stabile di proprietà della Regione Lazio, “libero e destinato ad uffici. Fa parte di quel lavoro di razionalizzazione delle sedi regionali che ci sta portando a dismettere tutti gli affitti e a valorizzare le sedi regionali di proprietà”, ha spiegato Zingaretti. Il nuovo NUE 112 (Numero Unico per le Emergenze), progetto promosso dalla Regione Lazio e finanziato con 3,5 milioni di euro, raccoglierà, come indicato delle Direttive europee, i quattro numeri per le emergenze: Carabinieri (112), Polizia di Stato (113), Vigili del Fuoco (115), Emergenza Sanitaria (118) e consentirà, in questo modo, un migliore coordinamento delle Forze dell’Ordine con una maggiore ottimizzazione delle risorse e degli interventi. Secondo gli standard imposti dall’Europa, la chiamata per l’utente dovrà essere gratuita e si dovranno garantire risposte in almeno 12 lingue. Per quanto riguarda il reperimento delle risorse umane, in questa centrale lavoreranno 80 unità di personale regionale che si sta già provvedendo a selezionare e a formare tra una rosa di oltre 250 candidati. In funzione ci sono 15 postazioni, che diventano 34 in situazioni di particolari emergenze o eventi. 

Secondo le stime compiute, la centrale unica di risposta che servirà Roma e provincia (3,5 milioni di utenti) sarà in grado di gestire nell’arco delle 24 ore un traffico telefonico di circa 15 mila chiamate. Il Lazio è la seconda Regione italiana, dopo la Lombardia, a dotarsi di una centrale unica per le emergenze, uno strumento che porterà un significativo miglioramento nei tempi di intervento (sarà possibile geolocalizzare le chiamate), la riduzione al minimo degli errori (filtrando le chiamate inappropriate) e la semplificazione, garantendo la massima accessibilità sia ai cittadini italiani che agli stranieri. L’ex Casa della Bambina diventerà “la casa della sicurezza di Roma e della sua provincia”, così l’ha definita Zingaretti, un vero e proprio polo per le emergenze, che ospiterà successivamente anche l’Agenzia regione di Protezione civile con gli uffici amministrativi, la Sala operativa e il Centro Funzionale.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
20849 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014