torna su
22/09/2020
22/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Annamaria Russo, “Segno e Colore” a Palazzo Poli

selezione di incisioni realizzate dall’artista sannita negli ultimi 20 anni

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 2/10/2015 ore 10:02
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:57)

Si intitola “Segno e Colore”, la mostra di Annamaria Russo, a cura di Maria Antonella Fusco e Claudio Strinati, che presenta fino alla sera del 2 ottobre una selezione di incisioni realizzate dall’artista sannita negli ultimi venti anni di attività artistica nello studio romano dello scultore Nunzio Bibbò. Si tratta di 13 soggetti per un totale di 31 incisioni, eseguiti in tecnica mista acquaforte acquatinta, sono stati scelti per presentare l’opera grafica di Aruss negli spazi espositivi di Palazzo Poli. Formatasi nelle Accademie di Belle Arti di Napoli e Roma, Aruss ha avuto come maestri Giuseppe Capogrossi e Arnoldo Ciarrocchi; quest’ultimo, dal 1939 al 1955, era stato maestro torcoliere alla Calcografia Nazionale e nel 1950 aveva avuto una personale negli storici spazi di via della Stamperia per volontà del Direttore Carlo Alberto Petrucci. “La classicità di Annamaria Russo consiste nel puntare tutte le sue carte sull’idea dell’Armonia così come ce l’hanno insegnata gli antichi greci e romani e che la nostra artista continua a vedere”, scrive Claudio Strinati, “nell’apparente mobilità e fragilità delle immagini, come una fermissima struttura mai persa di vista pur nelle continue peregrinazioni della fantasia. Glielo hanno insegnato la sua terra sannita e i maestri veri e propri quali Capogrossi e Ciarrocchi. Glielo ha insegnato la sua personalissima interpretazione di certe linee di tendenza del nostro grande Novecento, prima fra tutte quella promanante da Giorgio Morandi”. “Nell’albero genealogico degli incisori della Calcografia Nazionale, Aruss prende posto subito al seguito di Ciarrocchi”, scrive Maria Antonella Fusco nella presentazione, “e al tempo stesso, nelle mostre degli ultimi anni, si inserisce a pieno titolo nella serie Grafica: femminile singolare, spazio elettivo dedicato ad artiste e critiche d’arte legate all’Istituto Centrale per la Grafica”. (g.f.)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23712 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014