torna su
21/11/2019
21/11/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Comune, M5S si appella al PD: voti nostra mozione di sfiducia

Lo dichiara in una nota il M5S di Roma

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 27/10/2015 ore 15:39
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:59)

Una nota inaspettata del M5S si appella al PD in chiave anti-Marino: sfiduciamolo. E’ giunto oggi l’invito dei quattro consiglieri pentastellati in Campidoglio, una svolta che conferma l’indisponibilità al dialogo e a possibili alleanze con le altre forze politiche a meno che il bersaglio non sia il sindaco dimissionario.

“L’ammutinamento del Pd verso Marino è la solita farsa. Dicono di essere pronti a sfiduciarlo ma come? C’è infatti una sola mozione di sfiducia depositata in assemblea capitolina: la nostra. E anche se il Pd ne presentasse una oggi questa non potrebbe essere votata, perché il regolamento prevede che tale atto non può essere discusso dieci giorni prima della sua presentazione o 30 giorni dopo. Questo significa che al momento c’è solo un modo per mettere fine a questo circo delle ‘dimissioni si-dimissioni no’ di Ignazio Marino, ovvero che il Pd e tutte le altre forze politiche votino la nostra mozione. Stanno strattonando Roma da una parte e dall’altra dopo averla affossata, è una vergogna. In questi giorni stiamo assistendo a uno spettacolo indecoroso – proseguono i 5 Stelle – in cui i consiglieri Pd più che preoccuparsi della loro città sono impegnati a chiedere garanzie sul proprio futuro ai vertici del Nazareno. Le poltrone, sono sempre le poltrone il bene primario della classe politica. I romani  non meritano tutto questo, gli sia restituita la parola e il diritto di scegliere il proprio futuro”. (gds)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21590 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014