torna su
20/09/2020
20/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il Pd cerca sei consiglieri per far cadere la giunta

“Ambasciatori” del Partito Democratico cercano altri nomi

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 29/10/2015 ore 18:54
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:00)

Daniele Parrucci (Centro democratico), Roberto Cantiani (Gruppo Pdl), Alfio Marchini e Alessandro Onorato, Svetlana Celli (Lista Marino) e Mino Dinoi (Gruppo misto), Sveva Belviso (Altra destra). Sono questi i nomi dei consiglieri comunali che potrebbero “aiutare” il Pd a cacciare il sindaco Ignazio Marino dal Campidoglio dopo che quest’ultimo ha ritirato le dimissioni. In queste ore, infatti, dopo aver dato la linea ai consiglieri dem, pronti a dimettersi in blocco in modo da provocare lo scioglimento dell’aula e impedire al sindaco un drammatico faccia a faccia in Assemblea capitolina, è in corso uno scouting forsennato per raggiungere la fatidica quota 25, ossia il numero di consiglieri dimissionari necessario a far scattare lo scioglimento.

Per guidare gli “ambasciatori” del Pd, secondo quanto si è appreso, si sarebbero mossi gli uomini più vicini a Renzi fino al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti. Le dimissioni, come prevede il Tuel, per provocare lo scioglimento dell’assemblea dovranno essere protocollate contestualmente da tutti i consiglieri. Se Marchini al momento ufficialmente rivendica la scelta dell’autosospensione invitando altri a seguire questa strada, Sveva Belviso, già vicesindaco con Gianni Alemanno, è stata esplicita: “Nel caso ci fossero le 25 firme contestuali, sono pronta a dimettermi”, ha detto. (Omniroma)
 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23696 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014