torna su
28/09/2020
28/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Derby di Roma sui generis

Curve vuote, rischio infiltrati e senza sindaco

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 7/11/2015 ore 19:56
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:01)

Squadre competitive ed in alto in classifica come non mai, lanciate nelle coppe europee e con 2 società sane.

Sarebbero ottime premesse per un Derby di Roma davvero di alto livello. Ci sono però tanti ma.

La città già sotto choc per commissariamento e processi su criminalità e politica, la decisione del prefetto Gabrielli di dividere le curve con barriere “anticontatto” e che hanno provocato lo sciopero del tifo.

Lo sciopero di un non mestiere è un’altra cosa atipica. I gruppi organizzati dei supporter di Nord e Sud sono concordi nel disertare la partita delle partite. Contro il Palazzo e contro le società molli verso le decisioni della Federazione.

Si prevedono poco più di 30000 spettatori, per cui non vedremo le solite scenografie colorate e i cori saranno pochi e fiacchi. 

La AS Roma ha deciso di incentivare la partecipazione proiettando sui tabelloni, in diretta, un’altra grande sfida mondiale: il duello finale Rossi-Lorenzo che si contenderanno a ruotate e cascate il titolo mondiale GP di motociclismo. 

Ma i tifosi non professionisti e liberi, cioè milioni di romani e non appassionati delle squadre capitoline, vivono comunque la vigilia con grande ansia e aspettative.

Per i quartieri della città gli sfottò e le scommesse sono sempre in  gran voga. Baristi che promettono colazioni gratis in caso di vittoria dei propri beniamini. Impiegati che hanno pronta una richiesta di permesso dal lavoro per evitare sfottò dei colleghi in caso di sconfitta. E poi fioretti e promesse scaramantiche per accaparrarsi i 3 putni più preziosi della stagione calcistica.

Tutto questo e molto altro ancora è il derby capitolino.

La viabilità della zona Olimpica cambia per l’occasone e la vigilanza è molto più numerosa del solito. Nele ultime ore sale la preoccupazione di infiltrazioni di gruppi di supporter violenti, provenienti dall’estero, Inghilterra, Spagna e Polonia; questi sì professionisti e mercenari del teppismo. (vedi sotto nota della Questura di Roma)

Logiche di tifo, che diventa malavita ed associazione a delinquere, che speriamo sempre di non dover più raccontare.

E allora vinca il migliore e soprattutto lo sport: passione e non professione…almeno per chi non è in campo.

DC

 

«La pianificazione tecnico-operativa dei dispositivi di sicurezza approntati per la stracittadina è entrata nel dettaglio delle possibili criticità – si legge nella nota –  L’incontro, sulla base delle informazioni acquisite, è ritenuto ad alto rischio. Da un monitoraggio effettuato in ambito internazionale, si è appreso che potrebbero giungere esponenti di tifoserie straniere gemellate con i supporter capitolini, provenienti dall’Inghilterra (West Ham), dalla Spagna (Real Madrid) e dalla Polonia (Wisla Cracovia). Il piano di sicurezza pertanto scatterà già dal pomeriggio di domani per arrivare al suo massimo sviluppo alle prime ore di domenica».

«In particolare, in considerazione dell’apertura dei cancelli d’ingresso al pubblico prevista per le ore 13.00 di domenica, è stata pianificata una capillare operazione di bonifica dell’area stadio già dalla giornata di domani. Nell’area di massima sicurezza dello stadio sarà attuato lo sgombero dei veicoli in sosta e la rimozione dei cassonetti, campane e cestini gettarifiuti. Nel teatro delle operazioni opereranno reparti mobili, pattuglie in abiti civili per evitare eventuali episodi di illegalità, squadre di artificieri, unità cinofile ed una squadra della Polizia Fluviale, per controllare il bacino del Tevere. A monitorare le operazioni elicotteri della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri»

Comunicato Questura di Roma.Poliziadistato

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23749 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014