torna su
25/10/2020
25/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Fs, presentato nuovo piano industriale: sì al ponte sullo Stretto

Opera da 3,9 miliardi. Renzi: il nuovo piano è bellissimo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 28/09/2016 ore 13:31
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:37)

“Siamo pronti a lavorare sul corridoio Napoli-Palermo con la stessa logica con la quale pensiamo ai collegamenti con tutta l’Europa”. Lo ha annunciato l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini, nel corso della presentazione del nuovo piano industriale 2017-2026 del gruppo alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. “Purtroppo in passato – ha chiarito – il ponte è stato pensato come project financing stradale. Degli otto miliardi stimati di spesa, quasi 3 sono oneri finanziari e uno è di oneri compensativi. Così si è passati da 4 a 8 miliardi. Oggi – ha aggiunto – è una infrastruttura che costa 3,9 miliardi” mentre “tutte le linee ferroviarie italiane sono una infrastruttura che costa 120 miliardi”.

 

“Ogni anno sull’alta velocità viaggiano 50 milioni di persone contro i 600 milioni di pendolari. L’alta velocità di Trenitalia è un’altra altissima eccellenza: non c’è servizio migliore a livello internazionale come ho potuto constatare io stesso in Giappone. Però poi si deve dare attenzione sempre maggiore ai pendolari che hanno bisogno di nuovi treni e nuovi bus”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

 

Il nuovo piano industriale di Fs, ha proseguito Renzi, “è molto bello perché sa rischiare e sa guardare al futuro. Potrà contenere degli errori, dovrà essere valutato, corretto, ma è un piano che tiene insieme l’altissima eccellenza dell’alta velocità ed un’attenzione maggiore ai pendolari. Sono felice di assistere alla presentazione e spero di poter raccontare bene cosa è questo grande progetto”.

 

“Il piano industriale che presentiamo oggi segna una forte discontinuità con il passato”. Lo ha affermato il presidente di Fs, Gioia Ghezzi, presentando il nuovo. Un piano “innovativo” che punta “a spostare tutto il gruppo da un gruppo di trasporto ferroviario a un gruppo che fornisce servizi di mobilità integrata”, ha aggiunto Ghezzi sottolineando come l’obiettivo sia “porre al centro i nostri utenti”. La stessa presidente ha poi chiarito che si tratta di un “piano decennale perché si richiede una pianificazione a lungo termine e perché dobbiamo cambiare molto: sarà una grande rivoluzione”.

 

“Da un punto di vista finanziario siamo tranquilli: nel 2015, per l’ottavo anno abbiamo registrato utili significativi e spero che anche nel 2016 avremo utili significativi”. Lo ha spiegato la presidente di Fs, Gioia Ghezzi. Per quel che riguarda il Piano la presidente ha chiarito che “finanziariamente abbiamo una base solida da cui partire. Abbiamo le basi per fare questo salto innovativo”.

 

“Da tempo ragioniamo sull’ipotesi ipo”, e quindi la quotazione sul mercato per la divisione delle Frecce-Intercity di Trenitalia. Lo ha annunciato l’Ad di Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini, nel corso della presentazione del nuovo piano industriale dell’azienda presentati questa mattina alla stazione Tiburtina di Roma “Abbiamo ipotizzato di dividere Trenitalia in due: Frecce-Intercity e servizio regionale. L’ipotesi di ipo può riguardare la divisione Frecce, che attualmente conta su 2,4 miliardi di fatturato. Stiamo ragionando su un’ipotesi di quotazione non inferiore al 30%”, ha concluso. (Fonte Omniroma)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23968 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014