torna su
29/10/2020
29/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Comune, oltre sette miliardi mai riscossi

Si tratta di affitti, multe e tariffe mai saldati

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 6/10/2016 ore 12:22
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:38)

7,1 miliardi di euro accumulati tra il 2008 e la fine del 2015. A tanto ammontano le voci dei crediti mai riscossi dall’amministrazione centrale: tributi non pagati, tariffe mai saldate, affitti delle case comunali, multe. Valgono quanto una manovra finanziaria o, se si preferisce, come l’intero bilancio dell’amministrazione capitolina, già gravata da 12 miliardi di euro di debito maturato prima del 2008. Nello specifico, si tratta di 4,9 miliardi di buco nel periodo 2008-2014 e altri 2,2 miliardi maturati nel corso del 2015. Oltre 2 miliardi complessivi derivano dal mancato pagamento di Imu e Ici, mentre oltre 1,3 miliardi è da attribuire all’evasione della Tari negli ultimi sei anni. 357 milioni, poi, derivano dagli affitti mai pagati delle case popolari, mentre oltre 800 milioni sono riconducibili alle alienazioni mai fatte.

 

Aequa Roma, la società che si occupa della riscossione dei tributi, fa acqua da tutte le parti. In primo luogo, perché liquida entro i tempi stabiliti dalla legge solo il 27% delle parcelle che le vengono presentate, con un tempo medio di pagamento di 70 giorni. Poi, perché in 9 casi su 10 (precisamente, nel 92% dei casi) non presenta i documenti in tempo relativamente alle controversie che superano i 150.000 euro. Tradotto: non rispettando i termini di legge, rischia di rendere vano il tentativo di recuperare quanto spetta al Comune.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24000 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014