torna su
22/10/2020
22/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

A San Pietro inaugurati il presepe e l’albero

Il grande abete è un dono del Trentino. Il presepio arriva da Malta, e il Papa ha detto che ricorda la “tragica realtà dei migranti”

Avatar
di Alg | 2016-12-9 9/12/2016 ore 17:28

Il presepe e l'albero a San Pietro

Inaugurati il presepe e l’albero di Natale in piazza San Pietro, una tradizione che ha attirato migliaia di turisti e romani.

Il grande abete rosso, alto 25 metri, è stato tagliato in Val Campelle, nei boschi del Lagorai in Trentino, come riferisce l’amministrazione provinciale trentina. Una delegazione della Valsugana, del Comune di Scurelle e degli operatori turistici locali ha partecipato alla cerimonia di accensione.

Simbolo del Natale, l’albero è da sempre donato alla Santa Sede dalle comunità cristiane delle Alpi e sono state numerose le donazioni fatte proprio dal Trentino. Sull’abete rosso c’è anche “la firma” di Stefano Colleoni, un giovane di 22 anni che a inizio novembre aveva collaborato a tagliare e a preparare la base sulla quale l’abete è stato issato, deceduto poi a fine novembre in un incidente sul lavoro.

Il presepe è stato donato dall’arcidiocesi e dal governo di Malta. Il bozzetto scelto si deve ad un artista di Gozo, Manwel Grech. L’opera misura 17 metri di larghezza, 12 di profondità e ha un’altezza di 8 metri. I personaggi hanno indumenti tipici maltesi e attrezzi e strumenti musicali. Il presepe richiama al dramma dei migranti con il ‘luzzu’, imbarcazione dell’arcipelago maltese che rievoca la realtà dei migranti alla ricerca di raggiungere il continente con imbarcazioni di fortuna.

Grazie all’arcidiocesi di Spoleto-Norcia è stato trasportato dai restauratori della Direzione dei Musei Vaticani il pinnacolo della Basilica di San Benedetto a Norcia, simbolo del terremoto che ha colpito l’Italia Centrale, ed è stato deposto accanto al presepe come messaggio di condivisione e solidarietà.

Il Papa ha sottolineato che il presepe collocato in Piazza San Pietro richiama “la triste e tragica realta’ dei migranti sui barconi diretti verso l’Italia. Nell’esperienza dolorosa di questi fratelli e sorelle, rivediamo quella del bambino Gesu’, che al momento della nascita non trovo’ alloggio e venne alla luce nella grotta di Betlemme; e poi fu portato in Egitto per sfuggire alla minaccia di Erode”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
1034 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014