torna su
12/04/2021
12/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Sky, dopo il gran rumore cala il silenzio

Alla Regione la questione esuberi sembra essere finita nel dimenticatoio. Intanto l’azienda va avanti e i sindacati lanciano l’allarme editoria

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2017-02-28 28/02/2017 ore 13:50

La sede di Sky a Roma

Tutto tace. O quasi. La vicenda Sky sembra essere finita nel dimenticatoio, dopo il gran rumore delle settimane scorse. Lo pensano e dicono apertamente dalle parti della Regione Lazio, più precisamente in commissione pluralismo, il cui presidente Giuseppe Cangemi ha più volte sollecitato (qui le anticipazioni di Radiocolonna.it), un pronto intervento trasversale (Comune e Regione) per scongiurare il trasloco di Sky a Milano.

E invece, al di là delle dichiarazioni di solidarietà di circostanza, non si è mosso nulla. Con l’azienda, dicono i ben informati, che sta già chiudendo le valige, mentre porta avanti un confronto sotterraneo con il ministero dello Sviluppo Economico.

Il problema, si dice in commissione, è che è mancato l’asse con il vertice della Regione, ovvero col governatore Nicola Zingaretti. “E’ calata una cortina di silenzio, non si muove più nulla”, dice un membro dell’organo regionale. Un silenzio rotto solo dall’ennesimo allarma dei sindacati dell’editoria e comunicazione, come la Slc-Cgil.

“Non è tempo di rinviare scelte strategiche per il nostro territorio. Le fibrillazioni che si sono aperte nel settore della grande emittenza televisiva richiedono interventi, strategie e risposte comuni. Stiamo parlando di aziende che rendono la nostra comunità più ricca e non più povera, più coesa e non più sfaldata, più rilevante per capacità e relazioni industriali”, hanno scritto.

Sky, con la pesante ristrutturazione annunciata dall’azienda, al di fuori di qualsiasi procedura di legge e in presenza di fatturato e ricavi in crescita, sta costruendo un precedente molto pericoloso per la nostra comunità. Non si colgono le ragioni tecnico produttive di questa accelerazione e del trasferimento a Milano. Si colgono invece i numeri pesantissimi tra esuberi già certificati ed altri mascherati dal trasferimento al Nord e il conseguente impatto sul nostro tessuto economico, sulla vita dei lavoratori e delle loro famiglie”.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014