torna su
27/11/2020
27/11/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Eur choc, ragazzo gay pestato da una baby gang

Lo denuncia il gay center: Il branco lo ha colpito a bastonate, per rubargli il cellulare. Dopo l’aggressione, hanno anche scritto ai suoi contatti sui social insulti omofobe

Avatar
di Redazione | 2018-05-2 2/05/2018 ore 10:57

“Sabato 30 all’Eur un ragazzo gay di 24 anni è stato aggredito da una baby gang di ragazzi minorenni incappucciati, che lo hanno colpito con delle mazze di legno, lasciandolo insanguinato per terra e rubandogli il cellulare, del quale gli hanno chiesto le password. Dopo l’aggressione, hanno anche scritto ai suoi contatti sui social che lui era gay ed altre frasi offensive. Il ragazzo ha riportato una lesione ed un taglio al mento, denti scheggiati e contusioni su molte parti del corpo. Il ragazzo ha denunciato i fatti alle forze dell’ordine di Monteverde, come appreso da fonti giornalistiche”. Lo rende noto il Gay Center in un comunicato.

“L’aggressione di sabato è purtroppo solo l’ennesimo episodio di violenza verso un ragazzo gay – dichiara Fabrizio Marrazzo – Responsabile del numero verde Gay Help Line 800 713 713 e portavoce del Gay Center – ogni giorno oltre 50 persone in italia subiscono episodi di omofobia, infatti abbiamo oltre 20.000 contatti l’anno da tutta Italia al nostro numero verde a Gay Help Line 800 713 713 ed alla chat. Purtroppo, la quasi totalità delle vittime sceglie di non denunciare i propri aguzzini, che spesso sono i propri familiari, i propri compagni di scuola o lavoro. I fatti di sabato hanno una chiara matrice omofobica, infatti il ragazzo è stato aspettato all’uscita di un luogo di incontro gay ed aggredito da un gruppo di minorenni con odio e ferocia, per poi utilizzare il suo cellulare rubato per accedere ai social della vittima per offenderlo pubblicamente. Al ragazzo abbiamo offerto supporto legale e psicologico. Questo grave atto va punito come una vera e propria aggressione di odio, per questo chiediamo al prossimo governo di mettere tra i punti programmatici la legge contro l’omofobia, ed in particolare al Comune di Roma dove sono avvenuti i fatti di riprendere ed incrementare le campagne e le azioni contro l’omofobia che il comune ha sempre svolto negli ultimi 15 anni.

Rivolgo inoltre un messaggio anche alla magistratura, che molto spesso archivia le denunce lasciando le vittime senza tutele, anche nei pochi casi che riusciamo a far denunciare. Le vittime spesso non sono dichiarate come lesbiche e gay e non sono sostenute dalla famiglia e dalla società in generale e per questo molto restie a denunciare. Ad esempio, siamo ancora in attesa del rinvio a giudizio dei bulli del Liceo Newton di Roma, che con grande difficoltà furono denunciati dalla vittima di 14 anni allora oggi 17 anni, che subì vari episodi di bullismo, offese e violenze, sino a scampare per poco un bagno di urina organizzato dai compagni di scuola”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24247 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014