torna su
28/10/2020
28/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Raid Casamonica alla Romanina, due arresti

Altre due persone ricercate per l’aggressione di Pasqua si sono costituite. Contestata l’associazione mafiosa oltre all’aggravante del favoreggiamento alla mafia

Avatar
di G.I. | 2018-05-8 8/05/2018 ore 8:35

Sono due, al momento, gli arresti della polizia per la duplice aggressione avvenuta il primo aprile in un bar alla Romanina, alla periferia di Roma. Per il raid erano ricercate altre due persone che si sono costituite questa mattina per la duplice aggressione. I due uomini, sentendosi braccati, si sono presentati stamattina alla stazione dei carabinieri di Tor Vergata.

“Hanno ostentato, in maniera evidente e provocatoria, una condotta idonea ad esercitare sui soggetti passivi quella particolare coartazione e quella conseguente intimidazione proprie delle organizzazioni mafiose. Tra l’altro compiendo l’azione in un luogo aperto al pubblico, davanti a numerosi testimoni e in modo da riaffermare ostentatamente il proprio potere nel quartiere Romanina, dove si trovava il bar». È quanto scrive il gip Simonetta Corleo nell’ordinanza di custodia cautelare che, su richiesta del procuratore aggiunto Michele prestipino e del pm Giovanni Musarò, ha disposto l’arresto di Alfredo Di Silvio, Antonio Casamonica e Vincenzo Di Silvio, contestandogli l’associazione mafiosa oltre all’aggravante del favoreggiamento alla mafia. Quanto ad Enrico Di Silvio, nonno di Alfredo e Vincenzo, arrestato per minacce per avere tentato di costringere Marian e Roxana Roman a non sporgere denuncia, l’aggravante mafiosa per il gip è consistita anche nel fatto di avere “lasciato intendere alle persone offese che, se non avessero aderito alla sua richiesta, si sarebbero dovute scontrare con il clan Casamonica/Di Silvio, notoriamente operante nella zona in cui si trovava il Roxy bar, di proprietà dei coniugi Roman.

La vicenda è subito stata inquadrata in un contesto di criminalità organizzata, tanto che gli accertamenti e l’identificazione sono stati affidati alla squadra Mobile e allo Sco e coordinati dalla Dda. A fronte di un quadro di enorme gravità la procura ha ritenuto di ottenere un’ordinanza di custodia cautelare dal gip, firmata in tempi record, piuttosto che procedere con un fermo.

Il gip riporta anche un frammento delle dichiarazioni della donna invalida picchiata con calci e pugni: “Pensavo di morire in quanto non riuscivo a respirare e a divincolarmi e i numerosi presenti all’interno del locale non sono intervenuti per fermare questa aggressione così efferata. Ribadisco che, nonostante fossi l’unica donna presente nel locale, gli altri avventori non sono intervenuti in mia difesa per paura di ritorsioni nei loro co nfronti».

Un’incredibile storia di violenza successa a Pasqua nella periferia Sud di Roma, che ha coinvolto membri del clan Casamonica, con una giovane donna frustata in pubblico, il gestore di un bar pestato e il locale distrutto.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
863 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014