torna su
29/01/2020
29/01/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ladre zingare rapinavano anziani dopo averli narcotizzati

Arrestate due donne. Tuscolano, Appio e Sant’Ippolito le zone interessate dai 5 colpi messi in atto nel 2017. Nel corso delle indagini è emerso inoltre che le due arrestate si avvalevano della collaborazione di due medici psicologi, di Palestrina e di Latina

Avatar
di Redazione | 2018-06-28 28/06/2018 ore 11:41

Arrestate due donne di origine sinti dagli agenti della Squadra Mobile.

Le due, con precedenti di polizia, adescavano con una scusa anziani in strada e poi, a casa di questi, dopo averli addormentati, li rapinavano di denaro e oggetti preziosi.

Tuscolano, Appio e Sant’Ippolito le zone interessate dai 5 colpi messi in atto nel 2017.

Il “modus operandi” era sempre lo stesso: le due donne accedevano agli appartamenti delle vittime con la scusa di prestargli assistenza o fargli compagnia, oppure addirittura con il pretesto di festeggiare il proprio compleanno, e rubavano dalle abitazioni numerosi monili preziosi in oro quali bracciali, anelli, orecchini, collane, orologi di pregio, carnet di assegni, bancomat, carte di credito e denaro contante, approfittando dell’incapacità di volere e di agire delle persone anziane, narcotizzate attraverso pasticcini o bevande soporifere.

Nel corso delle indagini è emerso inoltre che le due arrestate si avvalevano della collaborazione di due medici psicologi, di Palestrina e di Latina, indagati per il reato di false attestazioni in atti destinati all’Autorità Giudiziaria che, in qualità di esercenti la professione sanitaria, redigevano per loro falsi certificati medici per consentirgli di ottenere gli arresti domiciliari in luogo della detenzione in carcere.

In occasione delle catture, in collaborazione con personale della Questura di Latina sono state effettuate 11 perquisizioni a carico di altrettante persone, indagate a vario titolo per i reati di falso materiale e ricettazione.

Sono tuttora in corso ulteriori approfondimenti investigativi per definire il contesto criminale delle due donne al fine di individuare altri episodi di rapine già consumate a Roma con le stesse modalità. Le due donne, entrambe già sottoposte al regime degli arresti domiciliari per analoghi reati, al termine degli atti di rito sono state associate al carcere di Rebibbia.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
22025 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014