torna su
03/08/2020
03/08/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Detenuta Rebibbia non dà ok, salta espianto organi figlio

Domani interrogatorio convalida davanti al gip. La detenuta che due giorni fa a Rebibbia ha ucciso i figli, “era stata più volte segnalata per alcuni comportamenti, sintomatici di una preoccupante intolleranza nei confronti dei due piccoli”.

Avatar
di Redazione | 2018-09-20 20/09/2018 ore 16:34

Non è stato possibile effettuare l’espianto degli organi da Divine, il bimbo di due anni morto dopo essere stato scaraventato dalla madre sulle scale del reparto nido del carcere di Rebibbia.

Non è arrivato infatti l’ok dalla donna, attualmente sottoposta al trattamento sanitario obbligatorio.

Alice Sebesta, 33 anni, difesa dall’avvocato Andrea Palmiero, è accusata dai pm di Roma di duplice omicidio e si trova piantonata presso il reparto di psichiatria dell’ospedale ‘Sandro Pertini’. Intanto è fissato per domani l’interrogatorio di convalida davanti al gip.

L’impossibilità di procedere all’espianto è stata confermata in una nota anche dall’Ospedale Bambino Gesù che comunque ringrazia l’Autorità giudiziaria e il Centro nazionale e regionale dei trapianti, oltre a tutti coloro che “hanno collaborato nella gestione del drammatico caso”.

La detenuta “era stata più volte segnalata per alcuni comportamenti, sintomatici di una preoccupante intolleranza nei confronti dei due piccoli” e il personale in servizio presso il carcere aveva segnalato “la necessità di accertamenti anche di tipo psichiatrico”. Lo afferma un documento firmato dal capo del Dap, Francesco Basentini.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23366 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014