torna su
23/09/2020
23/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Caos rifiuti, Campidoglio punta il dito contro l’Ama

La municipalizzata sotto accusa per la sporcizia di questi giorni

Avatar
di Redazione | 2018-12-28 28/12/2018 ore 11:31

Emergenza rifiuti a Roma

La spazzatura invade le strade della Capitale e il Campidoglio va in pressing su Ama chiedendo, con un attacco dei consiglieri grillini, un piano straordinario per ripulire la città. «Ama deve mettere in campo un piano per rimediare nel più breve tempo possibile alle criticità», la maggioranza M5S insiste dopo gli appelli lanciati nei giorni scorsi di Raggi e dell’assessora Pinuccia Montanari. È il segnale di uno scontro in corso con l’Ama scrive il Corriere della Sera. Ma anche di nervi sempre più tesi dopo la pessima foto di Roma scattata dal New York Times, le proteste dei romani e la storia dei 13 cassonetti incendiati, episodi sui quali la polizia indaga ipotizzando la regia unica e scandagliando i video delle telecamere che insistono sui luoghi dei roghi.

“Che la situazione sia critica – scrive il quotidiano – lo ammette pure il Campidoglio. Del resto, basta fare un giro per il quartiere – qualsiasi quartiere – per avere il quadro di un problema ancora senza soluzione: cassonetti ancora strapieni, cumuli variopinti di immondizia in ogni dove, soprattutto nelle vie dei Municipi III, V e VI, le zone che fino a due settimane fa erano pulite grazie al Tmb Salario andato a fuoco, ormai inservibile dall’11 dicembre. Mentre le foto, implacabili, mostrano una situazione che non cambia al netto dello sforzo praticato dalla municipalizzata: «Tra Natale e Santo Stefano raccolte oltre 3.800 tonnellate di rifiuti indifferenziati, circa 1.300 il 25 dicembre e più di 2.500 il giorno dopo: oltre 100 in più rispetto allo scorso anno», dice l’Ama che, per uscire dalla crisi, punta sugli oltre «duemila addetti» al lavoro, sulle «officine aperte h24», sul Tmb di Rocca Cencia che lavora giorno e notte e sui «servizi di pulizia supplementari». Ma evidentemente il piano non basta, come dicono i grillini capitolini che attaccano l’Ama proprio sulla gestione dell’emergenza. In realtà, da tempo tutto il settore genera perplessità: la battaglia sulle poste contabili Ama/Comune, la sfiducia diffusa nella maggioranza grillina verso l’assessora Montanari, fino alla crisi che emerge sempre più spesso. Una serie di grane e aspettative tradite che, presto, porterà alla rivoluzione di sistema”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23717 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014