Categorie: News da Roma

Fiumicino, nuova mobilitazione contro discarica a Pizzo del Prete

Venerdì 18 gennaio previsto un coordinamento dei comitati "a difesa di una delle ultime zone incontaminate dell'agro romano"

Nuova mobilitazione dei comitati di Fiumicino contro la discarica nella zona di Pizzo del Prete, individuata tra le ipotetiche aree idonee nella mappa della Città metropolitana consegnata alla Regione.

L’appuntamento è per venerdì prossimo, alle 18, alla Casa della partecipazione di Maccarese, dove ci sarà un incontro di coordinamento tra le associazioni e i comitati cittadini firmatari del “Manifesto delle Consulte, delle Associazioni dei Comitati e delle ProLoco del Comune di Fiumicino” del giugno 2017.

“Pizzo del prete non si tocca. Non basta un Comitato da solo per portare avanti una lotta lunga e complicata – scrive il comitato Mobastapizzodelprete – A seguito della nuova determina della Città Metropolitana del 20 dicembre 2018 che ribadisce una mappa delle aree bianche dove localizzare impianti di smaltimento dei rifiuti e che non recepisce in alcun modo le osservazioni motivate dei Comuni di Cerveteri e Fiumicino e della Sovrintendenza belle arti Etruria Meridionale, crediamo sia necessario un incontro di allineamento tra Associazioni e Comitati cittadini firmatarie del Manifesto delle Consulte: obiettivo, attivare iniziative di contrasto a questa determina che, se assunta all’interno del piano regionale rifiuti, consentirà – conclude il Comitato – la localizzazione di tali impianti all’interno di una delle ultime frazioni incontaminate dell’agro romano, area di altissimo pregio naturalistico, archeologico, ambientale, area dove l’agricoltura di qualità, assieme alle strutture turistiche, ha avuto in questi anni un incremento esponenziale”.

Su Facebook, lo stesso comitato Mobastapizzodelprete mostra la mappa del territorio della Città Metropolitana con le zone bianche e le zone vincolate, scrivendo a commento: “Cerchiate in rosso trovate le varie zone bianche (quelle che secondo i cartografi sono libere da vincoli), scarabocchiate in blu a grandi linee ci sono le aree dove con specifici interventi di attenzione progettuale (presenza di vincoli particolari di vario tipo) comunque sarebbe possibile la localizzazione degli impianti secondo la città metropolitana. Notare l’isolotto alla foce del Tevere”.

 

 

Stampa
Condividi
Pubblicato da Monica Caboi

Articoli recenti

Intesa, Lazio top 2020 per debito enti locali per abitante

Tra più elevati anche Piemonte, Calabria e Campania

2 ore fa

Maltempo: Lazio, pioggia e temporali, domani criticità gialla

Dal mattino e per le successive 9-12 ore

2 ore fa

Roma: al via sperimentazione ‘strade scolastiche’ in 17 istituti

Raggi, aree più sicure ingresso scuola e contrasto sosta illegale

4 ore fa

Pinsarella: il cibo tradizionale italiano supera gli oceani

E' così forte la tradizione e la cultura del made in Italy che anche un piatto semplice come la Pinsarella…

5 ore fa

Sindaco Roma: l’eredità difficile delle ‘’partecipate’’

La Corte di Conti certifica uno scenario a tinte fosche e accusa il Campidoglio di un controllo insufficiente.

23 ore fa

Partito da Roma primo treno “Covid free”

Tamponi gratuiti per i viaggiatori fuori dalla stazione Termini

24 ore fa

Piano paesaggistico, grido allarme associazioni imprenditoriali

Chiediamo equilibrio tra tutela territorio e sviluppo economico

1 giorno fa

Covid, da 26 aprile tornano zone gialle ma “rafforzate”

Governo per aperture graduali, Draghi vuole unità. Dal 15 maggio spiagge e piscine all'aperto. Gli spostamenti saranno consentiti tra regioni…

1 giorno fa

Questo sito utilizza cookie.