torna su
17/02/2019
17/02/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Scoperta discarica abusiva con baraccopoli in Parco Aniene

Sequestrata area vicino Ponte Mammolo. Denunciati occupanti e proprietario terreno, ha detto la sindaca Raggi

di Redazione | 2019-01-16 16/01/2019 ore 11:30

“Abbiamo scoperto nel Parco dell’Aniene, nella periferia di Roma, una vera e propria discarica a cielo aperto in città. Gli agenti della polizia locale di Roma Capitale hanno sequestrato un’area, vicino Ponte Mammolo, grande 30mila metri quadrati che da decenni, nel silenzio assordante di chi ha amministrato nel passato, veniva utilizzata per attività illecite”. Lo  ha scritto su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Negli anni ci avevano costruito baracche abusive, con tanto di docce e bagni. Ci vivono una trentina di persone di nazionalità romena. Sul terreno sono stati trovati rifiuti di ogni genere: da elettrodomestici a porte, lamiere, secchi di vernice e altri materiali di risulta – aggiunge Raggi – Stiamo parlando di 560 metri lineari di rifiuti: quindi più di mezzo chilometro. E molto spesso questi rifiuti venivano addirittura gettati nel fiume Aniene con gravi conseguenze ambientali. Pensate che ogni volta che pioveva i rifiuti venivano trasportati dal fiume e si andavano ad ammassare in punti dove gli argini del fiume erano più bassi, provocando così allagamenti in alcuni tratti della via Tiburtina. I vigili hanno denunciato per disastro ambientale, smaltimento illecito dei rifiuti e abusi in materia edilizia gli occupanti e i proprietari dell’area. Ora i ‘colpevoli’ dovranno provvedere a bonificare l’area. Noi vigileremo affinché tutto questo avvenga. Perché gente così, che sporca e fa male alla nostra città, non merita sconti”.

Abbiamo scoperto nel Parco dell’Aniene, nella periferia di Roma, una vera e propria discarica a cielo aperto in città. 𝗚𝗹𝗶 𝗮𝗴𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗣𝗼𝗹𝗶𝘇𝗶𝗮 𝗹𝗼𝗰𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗶 𝗥𝗼𝗺𝗮 𝗖𝗮𝗽𝗶𝘁𝗮𝗹𝗲 𝗵𝗮𝗻𝗻𝗼 𝘀𝗲𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗿𝗮𝘁𝗼 𝘂𝗻’𝗮𝗿𝗲𝗮, 𝘃𝗶𝗰𝗶𝗻𝗼 𝗣𝗼𝗻𝘁𝗲 𝗠𝗮𝗺𝗺𝗼𝗹𝗼, 𝗴𝗿𝗮𝗻𝗱𝗲 𝟯𝟬𝗺𝗶𝗹𝗮 𝗺𝗲𝘁𝗿𝗶 𝗾𝘂𝗮𝗱𝗿𝗮𝘁𝗶 che da decenni, nel silenzio assordante di chi ha amministrato nel passato, veniva utilizzata per attività illecite. Negli anni ci avevano costruito baracche abusive, con tanto di docce e bagni. Ci vivono una trentina di persone di nazionalità romena. Sul terreno sono stati trovati rifiuti di ogni genere: da elettrodomestici a porte, lamiere, secchi di vernice e altri materiali di risulta. 𝐒𝐭𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐩𝐚𝐫𝐥𝐚𝐧𝐝𝐨 𝐝𝐢 𝟓𝟔𝟎 𝐦𝐞𝐭𝐫𝐢 𝐥𝐢𝐧𝐞𝐚𝐫𝐢 𝐝𝐢 𝐫𝐢𝐟𝐢𝐮𝐭𝐢: 𝐪𝐮𝐢𝐧𝐝𝐢 𝐩𝐢𝐮̀ 𝐝𝐢 𝐦𝐞𝐳𝐳𝐨 𝐜𝐡𝐢𝐥𝐨𝐦𝐞𝐭𝐫𝐨. E molto spesso questi rifiuti venivano addirittura gettati nel fiume Aniene con gravi conseguenze ambientali. Pensate che ogni volta che pioveva i rifiuti venivano trasportati dal fiume e si andavano ad ammassare in punti dove gli argini del fiume erano più bassi, provocando così allagamenti in alcuni tratti della via Tiburtina. I vigili hanno denunciato per 𝐝𝐢𝐬𝐚𝐬𝐭𝐫𝐨 𝐚𝐦𝐛𝐢𝐞𝐧𝐭𝐚𝐥𝐞, 𝐬𝐦𝐚𝐥𝐭𝐢𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐢𝐥𝐥𝐞𝐜𝐢𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐢 𝐫𝐢𝐟𝐢𝐮𝐭𝐢 𝐞 𝐚𝐛𝐮𝐬𝐢 𝐢𝐧 𝐦𝐚𝐭𝐞𝐫𝐢𝐚 𝐞𝐝𝐢𝐥𝐢𝐳𝐢𝐚 𝐠𝐥𝐢 𝐨𝐜𝐜𝐮𝐩𝐚𝐧𝐭𝐢 𝐞 𝐢 𝐩𝐫𝐨𝐩𝐫𝐢𝐞𝐭𝐚𝐫𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥’𝐚𝐫𝐞𝐚. Ora i “colpevoli” dovranno provvedere a bonificare l’area. Noi vigileremo affinché tutto questo avvenga. Perché gente così, che sporca e fa male alla nostra città, non merita sconti.

Pubblicato da Virginia Raggi su Mercoledì 16 gennaio 2019

Stampa

A proposito dell'autore

18592 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014