torna su
05/12/2020
05/12/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Tar: verificare sicurezza su viadotti A24-A25

Accolta parzialmente la richiesta della concessionaria Strada dei Parchi

Avatar
di Redazione | 2019-01-23 23/01/2019 ore 12:00

foto da Fb @stradadeiparchi

Ci sarà un accertamento tecnico per chiarire se i viadotti delle autostrade A24 e A25 sono sicuri. La decisione è del Tar del Lazio, i cui giudici hanno parzialmente accolto le richieste della concessionaria Strada dei Parchi; nominato il presidente pro tempore dell’Ordine degli ingegneri della Provincia di Roma, l’incarico dovrà essere compiuto entro il 16 settembre con il deposito della relazione finale. Complesso l’accertamento che era stato chiesto da Strada dei Parchi.

Il Tar, osservando che “in relazione alla non ripetibilità delle verifiche richieste – si legge nell’ordinanza – dai chiarimenti forniti da Strada dei Parchi si evince che i quesiti proposti dalla concessionaria rispondono a una duplice finalità: raccogliere una serie di dati, non più apprezzabili a seguito degli interventi di manutenzione sui viadotti e della trasformazione irreversibile dei luoghi da ispezionare; esprimere dei giudizi sulla correttezza dei criteri adottati dalla concessionaria per la valutazione della sicurezza dei viadotti e sulle determinazioni che il concedente Ministero ha assunto o potrà assumere nell’ambito del rapporto concessorio”, ha ritenuto che “la seconda delle finalità perseguite non è compatibile con l’utilizzo dell’accertamento tecnico preventivo”.

Premesso questo, i giudici hanno ritenuto che la richiesta di accertamento tecnico preventivo possa trovare accoglimento “nella sola misura in cui è richiesta una verifica non ripetibile dello stato dei luoghi”. Ammesso quindi un duplice quesito, così riassunto: “fornisca il consulente i dati relativi alla profondità di ammaloramento reale del calcestruzzo e all’attuale danneggiamento per corrosione dei ferri delle opere ispezionate”; e “esamini il consulente, per le pile dei viadotti oggetto delle verifiche di settembre/ottobre 2018, a partire da quelli per i quali sono in procinto di iniziare i lavori di messa in sicurezza, gli attuali valori dei copriferri, del passo esistente delle staffe, del loro aggancio ai ferri verticali e del dettaglio adottato in corrispondenza degli spigoli per confinare le armature d’angolo. Il consulente potrà esaminare anche altri valori che, secondo il suo apprezzamento, possono essere utili per valutare l’efficacia dei dettagli costruttivi realizzati all’epoca della costruzione”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24305 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014