torna su
20/04/2019
20/04/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Lombardi a Di Maio, “difficile essere capo e vicepremier insieme”

“Gli consiglio di valutare di ridimensionare questo suo sovraccarico” ha detto la capogruppo M5s in Regione

Avatar
di Redazione | 2019-02-14 14/02/2019 ore 11:45

La capogruppo del M5S alla Camera, Roberta Lombardi a Roma, in una foto del 27 marzo 2013. ANSA / ETTORE FERRARI

Lombardi, impossibile fare capo e vicepremier insieme
‘Di Maio valuti se lasciare. Diciotti, sì all’autorizzazione’
“Ho detto in tempi non sospetti che tenere insieme le attività di capo politico, vicepremier e guida di due ministeri sarebbe proibitivo per chiunque. Per quanto Luigi Di Maio sia in gamba, è comunque un essere umano e la giornata è di 24 ore. Gli consiglio di valutare, tra le varie proposte che metterà in discussione, di ridimensionare questo suo sovraccarico. Può essere che gli iscritti gli dicano continua tu, ma una valutazione fossi in lui la farei”. Lo ha affermato Roberta Lombardi, capogruppo M5s in Regione e membro del comitato di garanzia del Movimento, in un’intervista a Repubblica.

Lombardi si dice favorevole all’apertura alle liste civiche: “Può accadere, ora che siamo nelle istituzioni, di esser percepiti come establishment. Dialogare con liste civiche vere può essere salutare. Anche perché abbiamo visto che andare soli alle amministrative e soprattutto alle regionali è una lotta improba”, dichiara. Contraria, invece, a una segreteria politica: “Non dobbiamo ripetere gli errori dei vecchi partiti. Serve un progetto di rete che metta insieme, sui temi, eletti di tutti i livelli, esperti e attivisti che hanno voglia di dire la loro. Rousseau – propone – porrebbe essere usato come un pensatoio diviso in stanze tematiche”.

Sulle elezioni in Abruzzo, “quello che mi ha colpito è non aver fatto meglio di 5 anni fa. Le persone con un minimo di intelligenza capiscono che degli errori sono stati fatti per forza”, osservaLombardi. Quanto al caso Diciotti, “i 5 Stelle devono votare sì all’autorizzazione. Votando sì legittimeremmo sia l’operato dei giudici che quello del ministro dell’Interno, che potrà dimostrare di aver agito nel rispetto delle sue prerogative”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
19535 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014