torna su
10/04/2021
10/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Metro C e archeologia: ecco come ultimare la linea tutelando il passato di Roma

Dal caso della Stazione Argentina, all’interazione dei lavori della Metro C con i beni archeologici del centro di Roma

Giacomo Di Stefano
di Giacomo Di Stefano | 2019-03-14 14/03/2019 ore 9:00

Come far sviluppare su ferro una metropoli senza arrecare danno ai beni archeologici del sottosuolo? Il futuro della mobilità sotterranea di Roma è incompatibile con il rispetto del suo passato? A tal proposito Salviamo la Metro C – comitato che si occupa della linea verde e di tutti i progetti su ferro della Capitale – ha fatto la cronistoria della Metro C dal punto di vista del rispetto dei beni archeologici. Precisamente della T2, la tratta della linea C compresa tra Venezia e Clodio con dati presi dal sito di Metro C spa.

Le prime indagini sono state svolte prima da Roma Metropolitane, poi da Metro C tra il 2006 e il 2010, sotto la supervisione della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Roma. Nelle indicazioni si raccomanda, tra le varie cose, che “gli scavi siano eseguiti con ogni cautela, utilizzando piccoli mezzi meccanici, sotto costante controllo di archeologici messi a disposizione dal soggetto che esegue i lavori”.

La stessa Soprintendenza, in seguito, non ha autorizzato le indagini preventive nella zona dov’era prevista Stazione Argentina e così la fermata è sparita dalla tratta T2.

Nel frattempo – in seguito alla nomina un Commissario Delegato per la prosecuzione ed il completamento delle nuove linee metropolitane di Roma e Napoli – è stato redatto un prontuario per gli scavi recepito dal progetto definitivo.

Poi Roma Metropolitane ha affidato al contrante uno studio di interazione tra tratta T2 e T3 (San Giovanni-Fori Imperiali) e beni storici e archeologici con 56 siti indagati.

“Gli studi svolti hanno analizzato l’interazione tra lo scavo delle gallerie e gli edifici preesistenti, tenendo conto del loro stato di conservazione, delle condizioni geotecniche del sottosuolo e del metodo di scavo adottato e hanno consentito di predisporre uno schema di monitoraggio degli edifici, individuando i monumenti e i palazzi storici che necessitano di interventi di salvaguardia, preferibilmente di carattere provvisorio e reversibile- spiega il comitato – Abbiamo visto le volte scorse come lo studio del CTS possa essere citato quale primo esempio a livello mondiale di approccio scientifico di tematiche di tale importanza e rilevanza.”

Stampa

tagsmetro C

A proposito dell'autore

Radiocolonna, Il Messaggero, Wired Italia. Tecnologia, politica e cronaca di Roma.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014