torna su
17/04/2021
17/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Primavalle: cancellata scritta omofoba contro giornalista

La sindaca interviene, facendola rimuovere, dopo la denuncia del Gay center. Che chiede una legge contro l’omofobia, “non ci sono tutele sufficienti”

Avatar
di Redazione | 2019-03-14 14/03/2019 ore 10:30

L'intervento della Polizia Locale per la rimozione della scritta

“Solidarietà al giornalista de Il Messaggero Marco Pasqua, bersaglio di una scritta offensiva apparsa su un muro nel quartiere Primavalle. Abbiamo già provveduto a cancellarla grazie all’intervento della polizia locale di Roma Capitale”. Così in un tweet la sindaca Virginia Raggi, dopo la denuncia del portavoce del Gay center, Fabrizio Marrazzo, che alla prima cittadina chiedeva di provvedere al più presto alla rimozione.

Ieri Marrazzo denunciava che a Primavalle, all’angolo tra via dell’Acquedotto della Peschiera e viale dei Monfortani, “è apparsa accanto a dei manifesti abusivi di gruppi di estrema destra la frase di diversi metri “M. Pasqua C..o. Messaggero!”, chiediamo pertanto alla sindaca Raggi di far rimuovere la scritta ed i manifesti abusivi al più presto”.

Anche dal Gay Center piena solidarietà a Marco Pasqua, “giornalista da sempre impegnato per i diritti civili e la legalità e in prima linea per i diritti di lesbiche, gay e trans”.

Marrazzo precisa che l’associazione ha fornito supporto legale al giornalista, e aggiunge: “Venga approvata al più presto una legge contro l’omofobia, in quanto le attuali normative non sono sufficienti per tutelare le persone lesbiche, gay e trans”.

 

L’intervento della Polizia Locale per la rimozione della scritta

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25306 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014