torna su
09/07/2020
09/07/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Salvini bacchetta Raggi su rifiuti: “Comune si dia una mossa”

Per il ministro dell’Interno ci sono i clan che fanno affari con lo smaltimento illecito ma anche le responsabilità del Campidoglio per l’immondizia in strada

Avatar
di Redazione | 2019-04-8 8/04/2019 ore 9:40

Il sindaco di Roma Virginia Raggi e il ministro dell'Interno Matteo Salvini

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervistato da Massimo Giletti a ‘Non è l’arena’, è tornato a parlare della questione rifiuti nella Capitale.

“Ci sono 300 clan mafiosi che fanno soldi con la criminalità ambientale, spesso con lo smaltimento illecito di rifiuti – ha detto Salvini – Sicuramente questo è colpa di chi in passato non ha costruito impianti, come fanno in tutta Europa e nel mondo, stiamo beccando parecchi delinquenti, però se a Roma in alcuni quartieri alle 10 di mattina ci sono sacchi di immondizia in mezzo alla strada, con gabbiani che sembrano avvoltoi che arrivano in mezzo ai cittadini, e topi lunghi così che fanno i 100 metri a ostacoli, anche il Comune dovrebbe darsi una mossa e dovrebbe far qualcosa, perché non puoi lasciare l’immondizia in mezzo alla strada. Ognuno faccia il suo”, è stato il richiamo di Salvini alla sindaca Raggi.

“Anche l’alleato di governo Salvini attacca la Raggi in diretta tv per le sue gravissime responsabilità nel disastro rifiuti a Roma. La sindaca invece di continuare a scaricare sugli altri le responsabilità del proprio fallimento per difendere la sua poltrona, dovrebbe restituire finalmente la parola ai romani: dimissioni subito”. Lo afferma in una nota il segretario romano del Pd, Andrea Casu.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23216 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014