torna su
23/04/2021
23/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Clima: Greta, ‘prepariamoci a lottare per anni, cambiamo il mondo’

Continueremo a lottare per il nostro futuro’

Avatar
di Redazione | 2019-04-19 19/04/2019 ore 15:30

Greta Thunberg (immagine tratta dalla sua pagina Fb)

In piazza del Popolo, Greta Thunberg trova finalmente il suo popolo. Giovedì al Senato l’attivista svedese ha strapazzato una platea di notabili e adulti, accusandoli di adularla e poi non fare nulla. Ma oggi a Roma, la sedicenne svedese ha partecipato al consueto sciopero per il clima del venerdì. E qui, ha caricato a molla le migliaia di ragazzi che hanno scoperto l’impegno ambientale grazie a lei. “Qualcuno dice che stiamo perdendo il tempo delle lezioni – dice dal palco – Noi diciamo che stiamo cambiando il mondo”. E si lascia andare ad un “Ciao Roma!” come una rockstar, strappando l’applauso dei ragazzi (3.500 per la questura, 25.000 per gli organizzatori). Greta, pantaloni viola, maglia a righe, le immancabili trecce, parla in inglese. Nessuno dal palco la traduce.

Ma i suoi ragazzi mostrano di capire lo stesso, e applaudono in continuazione. “Il problema base è che nulla viene fatto per arrestare la catastrofe ecologica – scandisce Greta -. Dobbiamo prepararci a lottare per lungo tempo. Non basteranno settimane o mesi, ci vorranno anni”. E ancora: “Noi non siamo quelli che hanno creato questa crisi. Noi siamo nati in questo mondo dove c’è un’emergenza esistenziale ignorata, e abbiamo deciso di agire perché siamo stufi delle bugie e delle promesse non mantenute”. Poi conclude: “Noi bambini stiamo facendo questo per svegliare gli adulti, perché vogliamo che agiscano, perché vogliamo indietro le nostre speranze e i nostri sogni”.

Prima di lei, nella mattinata calda e soleggiata hanno parlato i ragazzi dei Fridays For Future di tutta Italia, i comitati spontanei che il venerdì organizzano gli scioperi del clima nelle varie città, sull’esempio di Greta. I toni vanno dall’assemblea studentesca al centro sociale, con invettive che dai sussidi alle fonti fossili arrivano a Tav, Mose e privati nelle università. Il movimento lamenta anche di essere stato tenuto ai margini durante l’evento al Senato. Alice, 9 anni, è l’oratrice più piccola, e anche l’unica che parla in inglese. Arriva insieme a Greta e dice “sono qui per sostenerla”. Tra il pubblico, i ragazzi raccontano che da quando è arrivata Greta, nelle scuole si parla più di clima ed ecologia. E soprattutto, hanno cominciato a fare qualcosa per l’ambiente: “Prima compravamo l’acqua nelle bottiglie di plastica – racconta Francesca, 18enne romana -, ora a tavola usiamo la brocca con l’acqua del rubinetto”. Il palco è alimentato (in parte) da 128 biciclette, che pedalando su generatori producono elettricità. L’idea è stata presa dai concerti del complesso Tetes de Bois. E il cantante del gruppo, Andrea Satta, è anche l’autore della canzone per Greta che viene diffusa dagli altoparlanti: “Tempo/ non c’è più tempo/ mi muovo adesso altrimenti mi pento”. Greta prima del comizio è andata alla sede nazionale della Cgil, dove ha ricevuto la tessera onoraria del sindacato dal segretario Maurizio Landini. Sul palco appare sempre un po’ rigida e spaurita, ma sorride di più e saluta con la mano. Alla fine la portano via con un cordone di servizio d’ordine, tra la folla in delirio. Sparisce in macchina come una rockstar, ma è un’utilitaria rigorosamente ibrida.

Stampa

tagsclima, greta

A proposito dell'autore

Avatar
25351 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014